martedì 11 ottobre 2011

Don Paolo Spoladore è padre, lo ha sentenziato il tribunale

Ormai è ufficiale, Pimpi ha “vinto”, ma non è una vittoria, è una sentenza del tribunale che ha attribuito al signor Paolo Spoladore, sospeso a divinis (1) dal Vescovo di Padova, la paternità del bambino avuto dalla donna, una psicologa cinquantenne, nato da una relazione con il sacerdote padovano, dal 1999 al 2002.

 

Il tribunale di Venezia, dove il signor Spoladore non si è mai presentato, ha dato ragione alla donna, ordinando all’ex sacerdote il pagamento degli alimenti – nella misura di 300 Euro al mese – delle spese processuali e al diritto del piccolo di aggiungere anche il cognome “Spoladore” Va tenuto presente, che secondo quanto scrive il Giornale (2), il “Dompa”, così lo chiamano i suoi seguaci, non si sarebbe presentato per fornire il campione del Dna.

E qui sorgono le contraddizioni di un personaggio che ha fatto della Comunicazione, del Perdono e della Verità i suoi moti da rivoluzione francese, disattendendoli davanti alla prova più naturale per un uomo: il coraggio d’essere padre, stridendo in modo lampante con quanto “insegnato” nei suoi corsi, oltretutto calpestando l’obbligo del celibato sacerdotale.

Se si possono muovere delle “accuse” nei confronti di Pimpi, si potrebbe dire che questa donna abbia ceduto alle lusinghe del fascino del clergyman (3), abbandonandosi ad un amore che oggettivamente non poteva avere futuro, vedendola nell’ottica del personaggio mediatico e degli eventi che l’ex don Spoladore ha costruito attorno a se, libri, dischi e ai suoi Corsi di Comunicazione dove è stata aperta a suo tempo un istruttoria da parte dell’Ordine dei Medici (4) per la presenza del Dott. Raffaele Migliorini, inscritto all’albo, e dove si può avere un idea dello “Spoladore pensiero” inerente a quanto scrive circa il “Metodo Di Bella” (5).

Così come va detto, per chi non avesse fatto i suoi corsi, e lo scrivente in passato gli ha passati tutti, che alla fine quanto viene detto all’interno altro non è che una libera interpretazione di tanti libri di medicina alternativa, tecniche PNL, olistica, linguaggio e comunicazione verbale e non verbale, il tutto miscelato e presentato sotto una forma di spiritualità new age, che dice tutto e il contrario di tutto, prendendo principalmente spunto dalle teorie di Rüdiger Dahlke (6), “Malattie Linguaggio dell’anima” e “Crisi personale e crescita interiore”, così come dai testi di Dirk Hammer, “La Nuova Medicina” (7), il tutto riferito a quando svolsi i corsi. E per citare un esempio: durante l’ultimo corso l’allora Don Paolo Spoladore aveva mostrato la foto della Cometa di Halley, asserendo che quella, la luce che prorompe dall’oscurità, è la dimostrazione della presenza di Dio che irrompe nell’Universo. Gli dissi, guardi che è un naturale fenomeno della fisica astronomica, la massa della cometa ha la coda per il semplice fatto del calore e del vento solare. Nulla di divino o di così’ trascendente. Risposta: un’occhiataccia e «Ci siamo capiti!» e di rimando: «Certo e Lei ha capito che io ho capito?»

Che la situazione inerente ai Corsi di Comunicazione fosse alquanto bizzarra era una cosa risaputa già dalla metà degli anni ’90 a Padova,; ricordo una conversazione avuta con un frate, ora defunto, circa la liceità religiosa, in seno alla tradizione cattolica, circa i libri e i corsi del a suo tempo Don Paolo Spoladore.La risposta che ricevetti fu la seguente: Le cose si sanno, ma ci sono in ballo grossi interessi economici (8), tanto è vero che i suoi libri figuravano in bella mostra all’interno della libreria Al Santo, a Padova. Ergo: “Pecunia non olet”.

Senza entrare nel merito della sentenza, a detta dei giuristi rivoluzionaria per l’Italia, questo dovrebbe dar coraggio a tutte le donne che hanno avuto o che hanno dei figli con esponenti del clero di uscire allo scoperto, dall’anonimato, dalla paura, dalla vergogna e dal facile giudizio del bigottismo e dal falso moralismo religioso, perché se è vero che una donna libera può commettere il “peccato” di innamorarsi di un ecclesiastico, il peccato più grave viene commesso dall’ecclesiastico il quale non solo ha fornicato, ma ha tradito l’impegno, i voti dati alla Chiesa e a Dio e l’Eucarestia che va a celebrare ogni domenica, tradendo no solo il Corpo mistico della Chiesa, ma anche i fedeli, e il primo vero abuso che un ecclesiastico fa, in questi casi, è quello, non d’essere debole nei confronti del richiamo della carne, ma d’essere in una posizione “dominate” in virtù del suo status religioso, e questo può portare la donna alla debolezza della carne, per ragioni o motivazioni che nulla hanno a che fare con il desiderio sessuale o con l’idea di un amore fallace, dove anche se la donna avesse “peccato”, esiste la confessione e qualsiasi sacerdote assolve per il peccato di “fornicazione”, ma dopo l’assoluzione ecclesiastica deve arrivare per la vittima il momento del riscatto personale e non aver vergogna del proprio passato, perché Gesù stesso disse all’adultera “Neppure io ti condanno, va e non peccare più.” – Giovanni 8,3-11. Se Dio, tramite Suo figlio non condanna, le condanne morali e il “giudizio” pseudo moralista degli altri, alla fine è nulla.

Il cattolicesimo oggi in crisi ha bisogno di molte più “Pimpi”, di molte più donne coraggiose che squarcino il “Velo del Tempio” dell’ipocrisia di alcuni sacerdoti che confidano nel silenzio e nell’omertà delle persone più deboli, facendo leva anche sull’ipocrita morale pubblica da salvaguardare – del non dare scandalo – usando la debolezza della donna, nascondendosi dietro costoro, che tacciono per paura del pubblico ludibrio e del giudizio altrui.

“Pimpi” ha fatto non una ma ben due scelte coraggiose, la prima tenere quel frutto che aveva nel grembo e il secondo denunciare il tutto agli organi inquirenti, mantenendo un profilo pubblico uguale a zero, rimanendo nell’ombra, chiedendo e ottenendo giustizia.

Va rilevato in fine che la Chiesa, sia nei suoi organismi periferici che in quelli centrali, sanno di queste donne – Tom Clacny scriveva in un suo romanzo: la Chiesa Cattolica ha il miglior servizio segreto del mondo – ma preferiscono sperare che le donne tacciano, che non diano scandalo, e la Chiesa, invece di fare pulizia al proprio interno, se fosse vera maestra di verità e vita, preferisce attendere gli eventi della giustizia secolare piuttosto che prendere scopa e ramazza e far pulizia al proprio interno.

E che poi non vadano a lamentarsi in giro per l’emorragia di fedeli. Nessun ammalato andrebbe a farsi curare da un medico più malato del paziente stesso.

Marco Bazzato
11.10.2011


(1) http://it.wikipedia.org/wiki/Sospensione_a_divinis
(2) http://www.ilgiornale.it/interni/il_bimbo_e_prete_lo_incastra_test_ora_deve_mantenerlo/11-10-2011/articolo-id=551014-page=0-comments=1

(3) http://it.wikipedia.org/wiki/Clergyman
(4) http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2010/03/10/news/padre-rock-sui-corsi-di-formazione-indagine-dell-ordine-dei-medici-1884605
(5). http://www.metododibella.org/cms-web/upl/doc/Don%20Paolo%20Spoladore.pdf  
  (6) http://www.ilgiardinodeilibri.it/autori/_rudiger_dahlke.php 
(7) http://www.disinformazione.it/hamer7.htm

94 commenti:

  1. ciao c'è un errore grossolano il Dott. Migliorini è iscritto all'Ordine dei medici di Venezia come potrà facilmente verificare nel sito web dell'ordine dei medici, inoltre pratica presso l'ambulatorio del Dott. Travaglia in corso Milano a Padova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IL link

      http://italia.panorama.it/La-vera-storia-di-Don-Rock-Quel-padre-e-padre

      Elimina
    2. Grazie a questa donna e a tutte quelle che non si fanno intimorire da falsi miti e falsi ruoli sacri e denunciano abusi e plagi, ben sapendo che per la mentalità bigotta e maschilista ancora dominante, tutti si schiereranno contro di loro
      da Sara:Comportamenti doppi, subdoli , meschini , falsi ed incapacità relazionali gravissime giustificate con la scusa di essere stati scelti da dio per compiere chissà quale missione vanno dichiarati e non nascosti per viltà e bieco interesse A maggior ragione se le conseguenze subite dalla vittima sono incancellabili E spesso lo sono.

      Elimina
  2. Grazie per la segnalazione, provvedo alla correzione nell’articolo. L’informazione è stata presa da uno degli articoli tutt’ora presenti in Rete. A buon rendere!

    Correzione sul testo fatta, cancellando il “Non”, grazie ancora!

    RispondiElimina
  3. Grazie davvero per questo post!
    Mie parenti hanno partecipato ai corsi di questo Paolo Spoladore; dai loro entusiasti racconti su quanto imparato ho sentito puzza di bruciato e ho fatto qualche ricerca, arrivando anche qui, e avendo conferme.
    Una domanda: fai un accenno al fatto che costui parla anche del "metodo Di Bella" ma non si capisce in quali termini. Immagino lo sostenga. È possibile specificare a cosa si riferisce?
    Un suggerimento: quando fai cenno al quel beep di Hamer consiglierei di mettere come nota di approfondimento questo sito:
    www.dossierhamer.it

    Grazie,
    Michele.

    RispondiElimina
  4. Ciao Michele,
    Grazie per il tuo commento, se vuoi scrivimi nella mia mail privata, mi trovi anche su facebook, mi piacerebbe discutere con te della cosa,
    Marco

    RispondiElimina
  5. Penso che prima di far proprie opinioni altrui, ognuno dovrebbe frequentare i corsi di Spoladore. Ci vuole un po' di coraggio, ma ne vale la pena per liberarsi dall'ignoranza dei meccanismi che regolano la vita e viverla, finalmente, questa vita. Viverla da protagonisti e non più da fantocci.
    Spesso chi percepisce la potenza di quel messaggio e ha paura di cambiare, cerca notizie che discreditino la persona, così da discreditarne il messaggio. Ognuno è libero di pensare come crede, ma la vita insegna che prima di parlare o scrivere, ogni notizia va verificata personalmente.
    Un'esperienza che libera e non crea dipendenza è un'opportunità da cogliere se lo scopo è muoversi ed evolvere. Se, al contrario, si vuole restare dove si è, non è necessario demolire chi ha scelto altrimenti; ci si può limitare ad ammettere a se stessi che non si è pronti a scoprire le carte del gioco, a rischiare di sconvolgere un equilibrio duramente costruito: ci sono 1000 percorsi per 1000 persone, tutti vanno rispettati e nessuno giudicato. Spoladore incluso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PIENAMENTE D'ACCORDO! IMPIEGATE IL vOSTRO TEMPO NEL SPERIMENTARE LA VITA INVECE CHE INVESTIRLO A VUOTO SUPPONENDO L'INUTILE ED IL SUPERFLUO...CERTO CHE L'INVIDIA E' COMUNQUE E SEMPRE UNO SPRECO DI ENERGIE ED UN PASSO IN + VERSO L'IGNORANZA.
      QUI GLI UNICI COMMENTI NEGATIVI SONO QUELLI DI PERSONE CHE "NON" HANNO ASSISTITO AI CORSI...COME FAI A DIRE CHE LA LUCE E' UNA COSA BRUTTA ED INUTILE SE NON HAI MAI APERTO GLI OCCHI? ...APRITE GLI OCCHI...PER VOI STESSI SE NON ALTRO.

      Elimina
    2. Mi fa una certa impressione leggere commenti “gridati” ossia con i caratteri maiuscoli, dimostrando la totale assenza di quella serenità d’animo che i corsi dovrebbero dare, il che mi porta a pensare che se si risponde in questo modo, per quanto poco “la lingua batte dove il dente duole”, rimane comunque il diritto di pensarla come si vuole, no?

      Elimina
    3. Sig. Bazzato, la sua mi sembra una crociata contro. Si tranquillizzi và!

      Elimina
    4. In risposta ai vari anonimi in particolare a chi si schiera contro ignoranza e paura e dipendenza ed inneggia alla ...vita

      http://italia.panorama.it/La-vera-storia-di-Don-Rock-Quel-padre-e-padre

      Elimina
    5. Concordo con te, purtroppo sappiamo bene che farlo capire a molte persone è cosa ardua! Tutti sono arrabbiati con "il mondo" per 1000 motivi quindi si lamentano, criticano, giudicano e si scagliano su qualsiasi cosa appena possono, senza sapere che se davvero sperano in un cambiamento globale devono prima di tutto guardarsi dentro e aprire la loro stessa mente! Ad ognuno il suo momento...

      Elimina
  6. La differenza tra me e gli anonimi che mi lasciano commenti è che io i corsi gli ho fatti tutti e parlo e scrivo con assoututa cognizione di causa, senza giudiare, ma mettendo in luce le mie impressioni, le mie esperienze, che possono essere anche non confacenti alla massa di lobotomizzati che pendono come gonzi dalle labbbra, come sanno mentire tutti i puttanieri che dicono una cosa e poi, da incoerenti si comporportano in modo diamtetralmente opposto. Giudizi? No, fatti sentenziati da un tribunale dello Stato italiano…e anche da uno ecclesiastico... l’ex prete in seminatore non ha nulla da insegnare a nessuno, visto che le sue non sono altre che rimasticature di decine di altri libri, letti anche da me, che vegono macinati e sminuzzati come fa un ruminante prima di farli deglutire negli stomaci degli adepti, che non si rednono conto che vengno intossicati con apparenti qantità omoeopatiche di “sapienza” – basta leggersi le pagine a lui dedicate su facebook per rendersi conto che tutti parlano con un'unica voce…, come tante scimmie ben addestrate…se questa viene chiamata libertà…scelgo d’essere prigioniero della mia ragione…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TUTTA QUESTA RABBIA PERCHE' MI CHIEDO IO... :) CONTINUI A CERCARE CHE NE HA TAAAAANTO BISOGNO.

      Elimina
    2. Mio fratello e sua moglie seguono da 4 anni i corsi di Spoladore e ne sono devoti lettori e ascoltatori (scrive, suona, canta, insegna).
      Quando 4 anni fa mia madre visse un calvario di 1 anno per un tumore al pancreas io e mio padre anziano siamo stati abbandonati nel curarla e nel seguirla, e chi ha avuto queste tristi esperienze sa quanto l'aiuto o anche solo la vicinanza di un fratello possa sollevare sia moralmente che fisicamente dalla sofferenza di aiutare una persona così malata, soprattutto un genitore.
      Comunque, secondo LE VERITÀ COMPRATE ai corsi di Spoladore, la mamma non aveva una malattia che si poteva curare (ma grazie!? un cancro in terzo stadio alla testa del pancreas!) con le medicine, ma solo pregando e andando ai corsi per imparare il perdono e la verità. Peccato che a mia mamma , donna libera e pratica, queste cose non siano mai piaciute e inoltre, ormai sofferente e piena di anti dolorifici che la rendevano molto fragile e assonnata, non poteva certo sostenere i ritmi da brainstorming dei corsi. Tutto questo venne ritenuto da mio fratello una chiara volontà di "suicidio", di aver desiderato il tumore tanto da considerare il suo rifiuto di partecipare ai corsi come un rifiuto di voler vivere e guarire. Così mi disse chiaramente che lui non avrebbe più mosso un dito per portarla in ospedale o dai medici e che solo se voleva davvero guarire -come intende Spoladore- l'avrebbe aiutata.
      Ammesso che i tumori hanno ormai da decenni una collocazione di origine anche psicosomatica (non è una scoperta di Spoladore o di Di Bella) legata in una rete di cause ed effetti di rabbia e dolori sul sistema immunitario, da qui a definirli "auto inflitti" penso che un pochino ce ne passi....e in ogni caso, anche se mia mamma avesse "deciso" di ammalarsi...e anche se Spoladore fosse nella ragione piu totale....può l'amore di un figlio verso una mamma che muore essere superato dall'attaccamento alle nuove verità COMPRATE ad un corso tenuto da un prete che non fa il prete e che nega la propria paternità lasciando un bambino a soffrire per una condizione che egli stesso non stenterebbe a definire a rischio? Non sa il Donpa benissimo che questo bambino per colpa sua svilupperà rabbia e oscurità emotive gravi, proprio quelle che lui deputa a cause di malattia e infelicità eterne??? È così che fa il cristiano, condannando una creatura innocente ad una vita ingrata e senza speranza, perché i genitori non gli hanno dato tutto quello di cui ha davvero bisogno...? Fortunatamente la madre è psicologa, almeno per mestiere potrebbe aiutare il piccolo. (Segue)

      Elimina
    3. Io non scrivo un blog pro o contro nessuno, quindi cari ADEPTI di Spoladore perdonate se io il vostro guru lo giudico e anche ferocemente. Un uomo così "colto" dovrebbe anche sapere che gli strumenti che usa sono a doppio taglio e che le "verità" così facilmente acquisite sono pericolose se date in mano a persone deboli, ignoranti, sofferenti e sole. Sono palliativi di una cultura costruita con esperienza e dedizione, di una vita vissuta davvero con la gioia nel cuore per luci ed ombre che ci offre. Scoprire a 20 o 40 o 60 anni le verità che quest'uomo vi vende...vi fa sentire così pieni? Mi chiedo quanto vuoto abbiate dentro. Qualcuno conosce Platone, Aristotele, ha mai letto i dialoghi di Seneca? Tommaso D'Acquino? Cartesio?? Ha mai seguito una psicoterapia? Ha mai letto Jung, anche di sfuggita? Conosce per caso il comportamentismo, la Gestalttheorie ...? Credo che chi partecipa a i corsi dell'ex prete abbia molto scetticismo nel percorso fatto dai classici fino ai giorni nostri nell'esplorazione della psiche umana e dei riflessi che ha sulla salute fisica e mentale. Altrimenti si accorgerebbero di che accozzaglia NewAge il loro guru gli sta propinando, presa a pezzi ricuciti con maestria (quella gli va riconosciuta) e resa così preziosa che anche se si spende mezzo stipendio per comprare questa sbobbona di roba sembra quasi regalata. La cultura fortunatamente, per chi davvero la vuole, non ha costi e dà un patrimonio immenso, REGALANDOLO. Mi auguro che Spoladore finisca alla svelta la propria carriera di imbonitore e che si scopra che fine fanno i suoi soldi (tra l'altro secondo le sue teorie se ne evince che la beneficenza non sia un vero metodo per aiutare il prossimo...). Vi auguro ogni bene e che un giorno gli occhi vi si possano aprire davvero, mettendovi davvero in discussione allo specchio della vita...gratis!

      Elimina
    4. Non credo che si sia molto da aggiungere alle tue parole, tranne il fatto che a riguardo il discorso delle malattie tumorali, beh, ci stanno decine di servizi di Striscia la Notizia e de le Iene, fatte contro questi gaglioffi, spari in tutta Italia, ma nessuno ha mai fatto un servizio del genere o anche un’intervista volante alla Moreno Morello, che pure è veneto, contro questo ex sacerdote. Comunque ci sono anche delle Associazioni che raccolgono informazioni sui corsi dell’ex prete, Paolo Spoladore, che fanno investigazioni sulle sue metodologie, ne conosco una, con tanto di psichiatra al seguito, peccato che tutti vogliano scrivere sui blog, ma poi quando si deve passare all’atto pratico, ossia rivolgersi o alla Procura della Repubblica, o a dei professionisti per creare un fascicolo, tutti si tirino indietro, per vergogna, pudore o peggio ancora codardia e vigliaccheria.

      Elimina

    5. D'accordissimo con MARCO (nell intervento in risposta a Gilberto dal 30 - 31 maggio - Vedere più in basso)

      La differenza tra i corsi di questo ex sacerdote e tantissimi altri che propongono gli stessi contenuti stanno proprio sul grado di persuasione che costui riesce ad esercitare , la capacità di suscitare coinvolgimento e convincimento allo stesso tempo
      Al punto che li, tutto sembra indiscutibile, talmente coinvolgente e privo di incertezze. Nel nostro paese poi una certa ingiustificata ma viscerale riverenza verso l'autorità e santità del "curato", fa il resto. In tal modo la suggestione hci vince totalmente
      Anche se - va detto -lo stesso copione - ormai recitato uguale da anni- nelle mani di un don mazzi, ciotti, merola - che sono tra l'altro uomini d'azione più che parolai - non sortirebbe lo stesso effetto sulle massa. Lasciando libero - ed è giusto che sia cosi -ogni coinvolto dal pericoloso rischio dall'effetto alone sindrome da dipendenza da guru che invece "affligge" ed incatena quasi tutti gli iscritti ai corsi di spoladore al punto da convincerli ad una gara a chi li completa tutti in minor tempo.
      Perchè? La stessa formazione acquisita da spoladore non è forse alla porata di tutti, attraverso libri, video, incontri, scambi? E se ci interessasse veramente la crescita, la maturazione dello spirito, lo sviluppo delle ns qualità morali e talenti, la cercheremmo forse come surrogato in qualche ora di lezione pagata a prezzi scandalosi? In tal caso :COSA STIAMO CERCANDO DAVVERO? io temo quell'aura un po misitca e potente di cui si circonda e di cui circondiamo questo uomo - mito.
      Il bisogno di dipendere sempre da qualche figura rassicurante e leader che si sappia ben vendere, è tipico della ns indole

      Ma se avessimo davvero modo di conoscerlo davvero, magari ci accorgeremmo della distanza tra realtà e...finzione, verità e proiezione. Magari non riusciremmo a rinunciare a qualche ora di imbonimento a pagamento, ma un giorno - col senno di poi - riusciremmo a comprendre meglio cosa volevamo eludere e perchè e quanto la ricerca personale ed onestamebte mirata ci costasse in termini - non economici ovvio! - al punto da non poterla che delegare a qualcuno molto diverso da noi

      Elimina

    6. Aggiungo: Smettiamo, vi prego, di fare di retorici ed imbonitori di ogni provenienza e false guide i nostri riferimenti. O torneremo ad epoche buie non diverse da quelle che spesso riteniamo di aver superato . Ogni medioevo è stato cosi. Qualcuno pretendeva di possedere verità uniche - che nessuno poteva discuetere o confutare - e le vendeva a caro prezzo - senza permettere a nessuno di discuterle. L'episodio della paternità taciuta e rinnegata non è a caso

      Sono molto d'accordo con MArziana. Quest'uomo basa la sua attività su disquisizioni note e risapute già diffuse da altri con molto più anticipo coraggio ed apertamente. Imbastite di suggestione, proclami e citazioni tratte dal vangelo e qualche dimostrazione del proprio potere taumaturgico. La gente questo cerca e lui giustamente glielo offre. Salvo poi nascondersi quando qualcuno gli chiede conferma al di fuori dei recinti protettissimi ed avulsi dalla realtà , in cui "vive"

      Ieri mi sono imbattutta in una manifestazione di centinaia di operai , cassaintegrati e pensionati e giovani col futuro a rischio. Ho ascoltato l'appello di volontari laici in Siria e di un medico "senza frontiere" Ascoltato la relazione di un operatore che accoglie ragazzi di strada...Ecco queste sono le persone che mi piacciono e meritano spazio tra noi , malati e PRESUTNI SANI

      Nessun effetto speciale, teorie astratte, proclami, vangelo usato come bandiera, body guard e segretaria privata e ufficio stampa sempre al seguito
      Grazie
      Sara

      Elimina

    7. Grazie Marziana, condividiamo

      Elimina
    8. Vivere è un percorso a volte doloroso e la gente ha paura del dolore...questi farabutti lo sanno bene e lanciano ancore di salvezza al quale però i più vengono legati e tirati a fondo. Io e mio fratello condividiamo solo lo stesso sangue ormai, questa esperienza ci ha divisi esponenzialmente. E io gli voglio bene, ma è la sua vita e non posso farci niente...spero che i suoi bambini possano scegliere dove cercare le loro verità e che non vengano indottrinati subito in queste gabbie dorate. Comunque mio fratello segue da oltre 20 anni corsi motivazionali, di oratoria, di management...è proprio un caso da manuale...

      Elimina
    9. Dimenticavo, un grazie a Marco che ha toccato questo argomento e a chi condivide con sensibilità le stesse preoccupazioni e esperienze. Parlarne è sempre un passo avanti!

      Elimina


    10. Per Marziana E' proprio cosi. La paura del dolore e di conseguenza la ricerca del benessere ad ogni costo o dell'immortalità e cio che da sempre conduce l'uomo a fare patti col ...diavolo o -oggi -Corsi di livello ad alto costo che ti omologano ad altri come te convinti della propria onnipotenza in nuce. Spesso coltivata a costo di molto altro-come tu confermi - e soprattutto calpestando spesso gli altri e coltivando egoismo ed egocentrismo. Qualcuno lo chiama "tagliare i cordoni! (!!!???) Peccato. Si esce da questi corsi pensando di avere conquistato tanta conoscenza e familiarità con dio- in effetti uno che te la vende in pillole ti risparmia tempo e fatica - in realtà non è cosi. Si sta deviando...Le scorciatoie spesso nascondono insidie. Don Paolo non è in grado di vivere una vita normale e comune, calata nella quotidianità, affrontando relazioni di famiglia, vicinato, professionali. Da qui il panico scattato alla notizia della paternità ...Tutte le sue teorie, a confronto con la realtà, rivelerebbero la persona che è e le difficoltà che ha. Nonostante tutto. Per questo si nasconde . Castelli di carte e sabbia....
      Sara

      Elimina

    11. Rispondo a Marco (31 maggio) : la parola di un comune cittadino , rispetto a quella di un prelato autorevole e cmq popolare, non ha valore . Ancor meno se si tratta delle parole di una donna o minore o persona con disagi vari. Anche se ci sono documenti o prove. Vedi caso recente di "don" Giangiacomo Ruggeri e vari altri, a piede libero e più spavaldi che mai

      http://www.serviziopubblico.it/2013/06/14/news/la_chiesa_bancomat.html?cat_id=0

      Elimina
  7. Grazie, per l'articolo Con particolare riferimento
    al coraggio della donna di tenere il figlio e di non demordere davanti a tutte le ostilità che un confronto diretto con questo tipo di personaggio pubblico e tutto il sistema che lo riguarda e protegge inevitabilmente avrà comportato per lei e chi ha creduto alla realtà che l'ha accompagnata per anni in silenzio.
    Sempre più realtà emergono a testimoniare che i preti davanti ad una relazione seria che comporti assunzione di responsabilità, fuggono o negano.
    La maggior parte di loro per questo si rifugia in rapporti clandestini fugaci e nascondenosi proprio dietro alla classica frase "Ho fatto voto di celibato. "Non posso assumermi impegni seri"
    Alcuni libri o forum hanno tentato di denucniare queste abberrazioni: aborti e violenze occasionali ed anche ripetute sono le realtà peggiori Da sempre avvenute. Ora finalmente denunciate. Nel primo caso ne è un esempio il caso di Villa Regia (e meno recentemente emersi a "Iene" e addirittura accaduti tra i religiosi di Medjugorie)
    Degli aborti cui hanno dovuto ricorrere donne sedotte da preti sarà impossibile sapere. Ma una donna, in un momento di fragilità, che cede alle seduzioni di individuo che promette lei guarigioni o una vita insieme e sicuramente molto fragile e confusa e sola (diversemente trascorerebbe il suo tempo in altri siti) una volta presa coscienza della realtò e delle reali uniche intenzioni di qeull'individuo e soprattutto esposta a ricatti che fanno leva sul senso di colpa, possibilità di scomunica da parte del "prete"...cosa altro potrà scegliere?
    Un figlio inoltre porterebbe con sè la memoria del padre biologico, incapace di amare, ma soprattutto di essere coerenete, leale, onesto. Primaditutto verso sè stesso, la parrocchia, il su clan, dio, la possibile vita di un altro individuo. Ed infine la donna, già in difficoltà, che sta ingannando. Che futuro per quel figlio? Donna? Nucleo?
    Il libro che ha stravolto la ns visione di questi
    uomini del nulla è il libro dossier di C. Abate e
    "Diario dei miei giorni feroci" (scritto proprio dalla protagonista di una stroia terribile) che abbiamo avvicinato per caso interessandomi alle pubblicazioni dello scrittore della prefazione
    Benedizioni a coloro che crederanno anche senza aver visto o toccato certe realtà che non avremmo mai immaginato se qualcuno, immerso nella sofferenza all'inverosimile, non ce le avesse fatte avvicinare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento, credo d’aver fatto semplice informazione, visto che è sempre troppo comodo mettere la testa sotto la sabbia ed essere omertosi, per paura del giudizio altrui.. Che alla fine sono solo persone vuote che godono nel sciacquarsi la bocca, puntando l’indice…e condannando

      Elimina
  8. Ciao il donpa invece di parlare e sparlare tantoandasse a lavorare seriamente con l'uso delle manine.sta facendo danni alle fragili menti delle persone che lo seguono.nella vita bisogna essere seri ed onesti se si vuol trattare argomenti delicati.ciao grazie meglio fermarsi qui.

    RispondiElimina
  9. Ma siamo seri come si puo dire che un tempo l'uomo era alto 8metri e programmato x vivere mille anni .forse e' arrivato il momento di cambiare spacciatore che certa roba fa veramente male.

    RispondiElimina
  10. Bazzato ma sei comunista cazzo? Convertiti apri la mente

    RispondiElimina
  11. Io credo che siano molto più fragili le menti di chi sta incollato alla tv ad ascoltare tutto quello che ci propinano obbligandoci anche a pagare il canone. Io i corsi li ho fatti e posso assicurarti che la mia vita è cambiata in meglio e non di poco. Ho acquistato una serenità e una consapevolezza che auguro a tutti di acquisire nella vita. Per quanto riguarda "il lavorare seriamente e l'uso delle manine" mi sembra che in Italia dovrebbero essere in molti a falo. Se lo conosceste bene non vi esprimereste così.

    RispondiElimina
    Risposte


    1. Lori, chi dubita, insinua, critica e si permette qualche affondo sulla persona e il suo privato non è detto lo conosca meno di te o non abbia intravisto o fatto esperienza di qualche incongruenza e dissonanza tra il personaggio pubblico e le teorie e la persona e suoi comportamenti
      Non vedere solo critiche finalizzate a sè stesse e metti a frutto questa tua consapevolezza

      Elimina
  12. Volevo rispondere al signore che si riferiva ai giganti. Potrebbe essere vero! L'umanita'precedente alla nostra La Quarta razza madre, chiamati Atlantiani, erano dei giganti e vivevano il doppio dei nostri anni, l'ultimo cataclisma che ha cancellato definitivamente questi giganti alti da 6 a 8 metri e' avvenuto 850.000 anni fa'.Questo è quello che viene spiegato in alcuni volumi di madame Blavatsky; ma ci sono molti riferimenti in chiave allegorica anche nei testi sacri.Ora è ovvio!! per noi puo sembrare una fiaba!! Ma chi lo sa? potrebbe essere anche stato cosi'!Le prove certe per il momento non le ha nessuno, sia per chi ci crede e altrettando per chi ci ride sopra!! La natura ha capacita' illmitate e per il momento non comprensibili per noi.

    RispondiElimina
  13. Il Sig. Bazzato parla di "seguaci di don paolo spoladore",allora se ci sono dei seguaci, tutto fa' pensare a una setta!!Magari gia' che ci siamo, per conseguire oscuri scopi di plagio a danno appunto di "fragili menti che vagano disperate alla ricerca della salvezza".
    Io sono arrivato fino al Corso Meditazione e sinceramente non ho avuto questa impressione!!
    Lei mi dira'che sono un'illuso!! puo'essere!.
    Si chiama "USIOGOPE S.R.L", per cui e'una societa'giuridica.Le persone si iscrivono, pagano la quota e mi sembra lo facciano liberamente.Il costo puo'essere anche discutibile, bisogna fare quattro conti!!per carita'! non sono pochi! ma forse calcolando tutto ci puo' anche stare.
    Il sig. Bazzato mi sembra denunci il fatto che il sistema "pneumopsicosoma" proposto da Paolo spoladore non è altro che un rimpasto di idee, concetti, teorie e filosofie trovate nei testi di altri scrittori, nelle culture di altri popoli, e presenti in altri testi sacri, compresa in primis la Bibbia.E' vero!! Qual'e' il problema? Spoladore stesso lo dice nei suoi corsi,! non è un segreto!!
    Anzi, loro come gruppo continuano a documentarsi confrontandosi con altre realta'.
    La forza di questi corsi, secondo me sta proprio nel fatto che tutti questi concetti,(come dice lei gia' presenti da anni e magari da millenni,! questo lo sanno tutti!) attraveso il sistema pneumapsicosoma viene spiegato molto più dettagliatamente, quasi in modo scientifico,certe verita' spirituali, per fare in modo che sia più facilmente accessibile alla gente, tutto qua io credo!. Queste verita' esistono da sempre, non abbiamo scoperto l'acqua calda! erano conosciute da tutti i popoli antichi! tutti sapevano! molto più di noi! Erano verita' che la stessa "Chiesa Cattolica" avrebbe dovuto insegnare a tutti gli uomini nei duemila anni di esistenza, se non altro per amore delle anime e per la liberazione dalla sofferenza!
    Abbiamo invece assistito in duemila anni solo a crimini, barbarie e schiavitu'(inquisizione,guerre sante,terrore culturale, giordano bruno ecc.)

    RispondiElimina
  14. Gentile amico: ecco il significato del termine seguace,secondo il dizionario della lingua italiana: * Chi segue una dottrina, una scuola, una corrente, un maestro e sim.: i seguaci del marxismo; i seguaci di Aristotele.
    Anche la chiesa cristiana primitiva, quando aveva pochi affiliati questi venivano chiamati seguaci, quindi ho scritto in modo corretto.
    Le scrive: “allora se ci sono dei seguaci, tutto fa' pensare a una setta” Se lei la pensa così, perché questo lo scrive lei, non io, rivelando forse i suoi veri stati d’animo più rendiconti e le sue paure più nascoste. Ma questo eventualmente lo dovrebbe appurare con un buon psicologo e se ne avesse bisogno posso fornirgliene uno, senza tanti problemi, basta che mi contatti privatamente, anche via facebook, perché io a differenza di lei, non mi nascondo dietro l’anonimato e sono le sue congetture su Paolo spoladore, non le mie.
    Esattamente come lei ho fatto tutti e tre i livelli e quindi so di cosa parlo… Sotto l’aspetto della personalità giuridica di Usiogope s.r.l. nulla da eccepire, visto che se legge tutti gli articoli scritti sull’argomento ho sviscerato o eviscerato anche questo punto di vista, come del resto è stato fatto da tanti altri giornalisti e poi vedere anche i link di riferimento…

    RispondiElimina
  15. Mi scusi sig. BAZZATO, ho usato il termine setta perche' ho avuto l'impressione che siate voi a voler ridurre l'attivita' del gruppo di Spoladore a questo livello, ma per carita' posso sbagliarmi!.
    Quanto al psicologo, le assicuro che non avrei nessuna vergogna ad ammettere di averne bisogno!se lei ancora la vede come un handicapp, allora forse i problemi sono suoi!
    Lei invece dovrebbe spiegarmi veramente e profondamente perche' non e'd'accordo con l'operato di don Paolo Spoladore.
    Veramente! non è una provocazione!
    Lei può farlo meglio di me, visto appunto la sua preparazione culturale di giornalista e di esperto del settore!.
    Ci sentiamo!

    RispondiElimina
  16. Negli articoli e nei vari commenti presenti in questi credo e spero d’essere stato assai esplicativo, ripetermi sarebbe assurdo, tanto più quando è già tutto scritto. In ogni caso si rilegga il tutto, ed eventualmente mi virgoletti i passaggi del miei scritti che dovessero risultare poco chiari. Senza contare che oltre a quanto da me scritto ci stanno anche le opinini pro o contro, scritte da altri.
    In termini generali le consiglio di leggersi qualcosa sulla programmazione neurolinguistica, PNL. A riguardo i testi a cui si attinge per certi tipi di corsi, , credo di averli letti tutti, se n on di più, ma un conto è la lettura, un altro conto è la “rimasticatura” da parte di terzi, saltando apparentemente di palo in frasca…e lì che secondo determinate teorie o scuole di pensiero della psicologia o della psichiatria in alcuni o in molti soggetti potrebbe avvenire la destrutturazione emotiva e psicologica, creando la sudditanza veneratoria degli adepti nei confronti del maestro.
    A Sua disposizione,

    RispondiElimina
  17. Le assicuro che cerchero' di leggere qualcosa sulla programmazione neurolinguistica,pnl e anche qualcosa sui suoi scritti!!
    Premetto,che sulle scuole di pensiero della psicologia e della psichiatria, riguardo alla possibilta' di destrutturazione emotiva, io non ho letto nulla, sono sincero!
    Ma mi corregga se sbaglio! Il contenuto dei corsi, almeno quelli che ho fatto io, non si riduce solo a questo! il messaggio è piu' ampio.Parla e spiega per esempio dei meccanismi fisici, mentali e sociali che portano ad una errata interpretazione della realta', le strategie della nostra mente, i rapporti genitoriali ecc.Parlare solo di Neurolinguistica non e'tutto!. Sulla questione della "rimasticatura" lo dichiara Spoladore stesso nei suoi Corsi di ad altri scritti o scuole di pensiero, non è un segreto! Ma sinceramente non mi sembra un rimpasto!! Anzi a me invece sembra molto "centellinato" condotto passo per passo.Io non mi sento assolutamente in sudditanza! Le verita'che Spoladore presenta nei corsi non sono sue! lo sappiamo!
    Molte di queste le avevo trovate molti anni prima in tante altre discipline religiose e spirituali.Le persone che ho visto nei corsi non mi sembrano in trance. Non capisco questo accanimento! Magari sì, il grande bisogno di sperare in un mondo migliore può indurre qualcuno a cercare un maestro, e avere per lui una sorta di venerazione! può darsi! Ma credo siano molto pochi! Ci sentiamo! a proposito, io mi chiamo Gilberto! spero le basti il nome!
    Giusto perche' lei pensa che gli anonimi sono dei codardi!!

    RispondiElimina


  18. Secondo me il "problema" - termine che introduce lei stesso - è che nell'antichità - sono d'accordo con lei - alcune verità erano conosciute più di oggi ed erano patrimonio comune. Poi sono state blindate e rese inacessibili ed oscurate a vantaggio di una classe sociale e nicchia-quella religiosa - Le religioni- costruite ad hoc - hanno fatto il resto. Oggi non è cambiato molto Perchè sul bisogno di conoscenza qualcuno - sempre di quell'ambito - continua a speculare forte della debolezza di chi alla religione - per bisogno -si aggrappa
    Questo sacerdote, ancora in servizio, teneva i suoi corsi privatamente a pagamento ritagliandosi generosi spazi e risorse sottratte ai suoi incarichi ufficiali
    Avrebbe invece, per onorare correttamente l'impegno assunto, privilegiare quella stessa comunità ecclesiale a cui era stato assegnato senza separare il ruolo. per potersi nel frattempo ricavare una nicchia di seguaci ed un attività subalterna di riserva
    Probabilmente il sacerdozio è servito come trampolino di lancio per crearsi una potenziale platea cui rivolgersi mel periodo di rodaggio come formatore In fondo quella dei cattolici è da ritenersi per antonomasia la platea più ingenua e facile da conquistare perchè incline a lasciarsi persuadere- in nome della fede che tutto ,dogmataicamente crede, a prosi poche domande e a tacitare dubbi e insoddisfazioni latenti ed incofessabili. Chiaro poi che incontrando nel cammino teorie che cercano di coniugare tali insoddisfazioni con teorie psico e di derivazioni new age ed altro di sapore medico scientifico molto convincenti si rimane avvinti , tale e la mancanza patita Specie se il conduttore è convincente.
    Qui pero gli interventi non mettono in discussione l'attività remunerativa, oggi comune a molti maestri consci della insoddisfazione di base dell'individuo complesso , che è l'oggetto del loro operare Nè più di tanto una srl che lucra su lavoro di ricerca svolto da altri negli ultimi 50 anni e bisogni dell'anima E che ha sfruttato per decenni il ruolo del prete fin troppo assorbito da musica , fama di terapeuta e varie attività extra
    Bensi sull'atteggiamento del personaggio ed alcune discutibili vicende che lo riguardano come persona, nel privato, e quel silenzio che lascia presagire che quanto emerso sia solo una aspetto una parte di vita in apparente contraddizione con quella evangelica ancor oggi usata come pretesto,oggetto di teorie e.... scudo

    RispondiElimina
  19. Vede Giblerto, dovrei scrivere un trattato sull’argomento, non tanto sull’argomento Paolo Spoladore, ma su determinati tipi di corsi che si svolgono in Italia e le assicuro che sarebbe una cosa lunghissima e noiosissima, non solo da scrivere, ma anche da leggere. Per questo non posso fare altro che consigliarle di prendersi tutti i libri consigliati durante i corsi, leggerseli, poi riprendersi in mano la Bibbia, leggersela, prendere un po’ di testi religiosi eretici, più vari trattati di medicina e psicologia, con le varie scuole di pensiero, in totale non saranno bene o male oltre un centinaio, riprendendosi in mano se sono ancora nelle sue disponibilità, gli appunti che ha preso.
    Di tutti questi corsi in generale non è tanto ciò che si ricorda, ma quello che entra nel subconscio e che poi destruttura, che potrebbe, uso il condizionale, creare destrutturazione.
    Altre cose non posso dirle pubblicamente, visto che appartengono a molte confidenze private che ho ricevuto via mail nel corso degli anni. E per me il rispetto e la discrezione è un obbligo etico. Se vuole, può trovare in rete la mia mail e il mio Facebook, la scelta è sua, naturalmente.
    Evito per rispetto nei suoi confronti di dissezionarle linguisticamente il testo, ma posso solo dirle che Lei, senza volerlo, sta arrivando, con i sui tempi e i suoi modi, alle mie stesse conclusioni. Lo si evince dalle modalità con cui scrive…

    RispondiElimina
  20. Cara sara!! Sulla questione delle verita' antiche almeno sei d'accordo con me - sono comunque convinzioni che avevo maturato documentandomi gia' molto prima di fare i corsi di Usiogope, semplicemente mi sono trovato concorde con quasi tutte le slide dei corsi - forse magari con qualche dubbio in alcuni punti - ma ti assicuro!, la sostanza è quella.Se negli ultimi 10 anni, in seguito a vicende molto dolorose della mia vita protratte nel tempo,sono riuscito ad alleviare la disperazione che mi porto dentro(e te lo sto' scrivendo quasi con le lacrime!!!), è perche'piano piano ho capito che dovevo - come dire - "ritornare" -ripristinare il legame che comunque noi tutti abbiamo con la nostra dimensione spirituale, che si voglia o no!!(La chiesa cattolica non si è mai preoccupata di aiutare le anime in questo senso)Solo allora la mia sofferenza è un pò diminuita.
    Sulla vicenda di Pimpi, io purtroppo non posso pronunciarmi - sicuramente Pimpi sta soffrendo molto e credo allo stesso modo Donpa.
    Ho imparato che non ci si deve pronunciare e avere opinioni sulle vicende riportate (penserai che per me è comodo!)Per farmi realmente un'idea dovrei parlare di persona con Pimpi e allo stesso modo con Donpa e capire che cosa è veramente accaduto prima.Adesso la vicenda è ovviamente di dominio pubblico e la macchina mediatica si sa' viene sempre usata "da chi la usa" per scopi di strumentalizzazione, sempre a favore o contro qualcuno.Il problema purtroppo!! - e qui ti do' ragione - è che adesso c'è un figlio che ha bisogno di una paternità - indipendentemente da come si sono svolti i fatti.Le colpe sicuramente possono essere dell'una o dell'altro o di entrambi! su questo non posso dirti altro.
    Grazie della tua sincerita'!

    RispondiElimina
  21. Sig. bazzato,è pacifico che più si legge e ci si informa meglio è!
    E' anche vero però che se io dovessi leggere i quasi cento libri (se non ho capito male)che lei mi consiglia mi ci vorrebbe un sacco di tempo! forse qualche anno! non è detto poi che il quadro generale sulla mia vita, sul nocciolo duro dell'esistenza, sarebbe più chiaro di adesso! non è scontato!se leggo un libro di psicologia o di psichiatria alla fine della lettura posso averne colto il significato ma non mi servirebbe come metodo per la mia vita! risultato!! - dovrei farmi un serie di sedute da un psicologo a 100 euro a volta, sapendo che i metodi di approccio cambiano per ogni terapeuta.(questo è un esempio, visto che lei mi consigliava l'utilizzo)Una cosa che le posso concedere è che le videate che appaiono sugli schermi della sala durante i corsi contengono un'enorme quantita' di informazioni, che per forza di cose devono essere sintetizzate e ridotte in piccoli passaggi sostanziali, creando a volte anche una difficolta' di connessione tra di loro.
    Secondo voi questo prete avrebbe dovuto rispettare il volere della diocesi, ben sapendo che la chiesa cattolica in questi duemila anni a fatto di tutto fuorchè mettere in pratica gli insegnamenti di Cristo e della Bibbia?
    Ti sembra che il pianeta stia vivendo un clima di amore o di felicita'?
    Ti dico che qui! in questa terra non si muove foglia senza l'approvazione di queste spregevoli Massonerie inclusa la Chiesa di Roma.
    Tu credi che io mi devo preoccupare dei Corsi di Usiogope? ... che in sostanza interpretano la bibbia e i meccanismi comunicativi meglio di altri?o almeno in modo un po' più semplice!!
    Ascolta!! sono stato ingannato per tutta la vita!
    Fin dal primo giorno, e poi all'asilo, a scuola,al militare, al lavoro, mi hanno sempre detto ciò che dovevo fare e alla fine con enorme difficolta' scopro che è tutto un'inganno!!(ti assicuro! tutto ciò era già prima dei corsi)
    Adesso per finire! altrimenti stò qui fino a sera, ti faccio un umile domanda! ti prego! non prenderla come una semplificazione!o come una stupidità!
    Se oltre a leggere tantissimi libri noi tutti ci mettessimo un pò di minuti al giorno seduti in Meditazione non credi che il risultato sarebbe lo stesso o molto meglio? così magari tutti e proprio tutti avrebbero la possibilita' di evolvere nella loro vita, anche coloro che trovano difficoltoso leggere tanti libri sofisticati e di difficile comprensione?
    Buongiorno!

    RispondiElimina
  22. Non voglio portare avanti un discorso infinito, ma è giusto chiarire alcuni punti, indipendentemente dai corsi del fu Don Paolo Spolaore.
    In primo luogo nel XV secolo, Tommaso Moro, era considerato un erudito straordinario in quanto si diceva che avesse letto circa 250 libri, cifra elevatissima, anche nei secoli precedenti, anche quando la chiesa stessa aveva il predominio della cultura, ma il spere è ben altra cosa. Quindi, Sara, l’idea che in passato le persone conoscessero molto più di noi è totalmente infondata, in quanto, in rapporto alle varie epoche, il sapere era un lusso estremamente limitato, non tanto dall’essere ecclesiastico, ma semplicemente dalla volontà di conoscere e dall’aspetto economico.
    Non voglio entrare nel merito delle tue cose private, Gilberto, ma astenersi dal giudizio e/o opinione è il primo passo per non avere un opinione e un pensiero proprio,ma essere preda di quanti altri ti gettano in testa, accettando il tutto acriticamente, credendo che quella sia la verità e che non debba mai essere contestata. È una strada pericolosa e destrutturante a livello psicologico. L’ho già vista in molte sette o gruppi religiosi che annebbiano la mente di persone che hanno grossi problemi alle spalle e sono privi di autostima o vittime di problemi o drammi familiari che non sanno né affrontate e né tantomeno accettare e di cui nessuno ha in mano la ricetta o la formula magica, ma spetta solo al singolo trovare le forze dentro di se o farsi aiutare da validi professionisti, scegliendo anche la scuola di pensiero psicologica che offre miniori resistenze al soggetto. Ma alla fine è un fatto di fiducia.

    A riguardo i libri letti: l’esempio che ti ho fatto era il mio personale, il mio cammino, la mia strada, ma poi ogni persona deve fare la propria, beccandosi anche tante botte in testa e scontrandosi con se stessi. La teoria di un libro va poi sempre calata all’interno della propria realtà, usando lo specchio del libro, come una chiave per cercare di comprendere sempre al meglio i processi interiori di se stessi.

    Io non ho ricette e non voglio dare consigli a nessuno, però ti dico due cose: conosco Pimpi e oggi, nonostante tutto, credo sia una persona serena, visto che ha combattuto una battaglia per amore del figlio, perché non sia un figlio di padre ignoto, anche se adesso questi potrebbe essere un padre assente, ma quello è un altro discorso…

    Termino concludendo: sta ad ogni persona decidere se andare o non andare in terapia, se sente d’averne bisogno, soprattutto quando sente e lo sa già per certo, che gli è impossibile uscire da serie di situazioni seda solo e quindi dovrebbe mettere da parte l’orgoglio e avere il coraggio di farsi aiutare da persone competenti, che possano aiutarlo a dipanare quei legacci e quei grumi emotivi e storici che, a causa del passato, soffocano il presente e il futuro. Per arrivare ad accettare, ossia tagliare via, bisogna sapere cosa tagliare via, altrimenti ci si comporta come i macellai: questi nel dubbio tagliano via tutto, e poi alla fine cosa rimane della persona: un guscio vuoto estremamente fragile che rischia di deragliare al primo alito di vento…

    RispondiElimina

  23. Per Gilberto: sono d'accordo con Marco. Dubitare di chi chiede di astenerti dal giudicare. Il giudizio va coltivato in noi, eccome. Casomai taciuto o espresso in modo amorevole, con tatto ed attenzione . Tra l'altro lo stesso Gesu- cui Spoladore dice di rifarsi ma non sempre è cosi ti assicuro - non ha evitato di giudicare e non ha mai demonizzato il giudizio.Va evitata se possibile la condanna ed esercitata la nostra capacità di comprendere e facendosi prossimo dell'altro.
    Distinguerei l'informazione dall'erudizione ed entrambi dalla conoscenza
    La conoscenza degli antichi era quella che permetteva, attaraverso il contatto con la natura, un diverso rapporto con l'ambiente e di rispettarne cicli e manifestazioni.
    Per Marco: grazie . Se davvero quella donna per cui ci siamo preoccupati spesso, è serena, anche noi siamo un po 'più in pace. In fondo probabilmente il suo comportamento è dipeso un po anche dal grande successo e seguito e fanatismo creato intorno a lui. Un attegiamento più critico (appunto), distaccato,meno dipendente ed adorante avrebbe aiutato tutti ad impedire situazioni come quella della paternità nascosta e negata e delle terapie spacciate per benefiche e sanatrici...

    RispondiElimina
  24. Cercherò di essere breve, per non andare avanti all'infinito!Sulle conoscenze antiche è che se si ha una certa idea allora ci capiamo altrimenti è buio!Per carita' è solo un'idea in base a come mi sono documentato ma non si parlava dei secoli precedenti, mi riferisco a epoche antichissime che si perdono nella notte dei tempi, epoche in cui appunto,! tutti sapevano!. Secondo alcune cosmogonie orientali e non, l'umanita' attuale è al livello più basso di conoscenza di tutta la storia dell'uomo.
    Per marco, intanto non mi hai risposto sulla Meditazione.
    Poi, se ti riferisci alla vicenda di pimpi,riguardo al fatto che sbaglio ad astenermi dal giudizio,Tu conosci pimpi e ti sei costruito un giudizio contro Paolo.Sacrosanto per carita'!!Ma io come faccio!! dovrei conoscere tutte e due!Che cosa è veramente successo tra di loro?
    Dovrei farmi un'0pinione in base a quello che mi dici tu'?
    Non credo proprio che coltivare il giudizio sia la cosa migliore, non porta assolutamente a niente, anche se istintivamente lo facciamo da sempre, il giudizio infatti è un'attivita' dell'ego!!Io l'ho fatto per tutta la vita e questo ha rallentato la mia crescita a tutti i livelli.E' proprio la negazione del giudizio che ci da' la possibilita'di avere la percezione reale di ciò è giusto o sbagliato.
    Vedo marco!che nelle tue risposte mi stai proponendo piano piano di andare in terapia!!sembra quasi che tu mi abbia gia' fatto la diagnosi o pensi di poter arrogartene il diritto!
    Le persone scelgono, come dici tu, la strada che gli è più adatta per cercare di evolvere, leggendo,cercando sempre, facendo mille esperienze, andando a tanti corsi, guardandoci dentro, meditando ecc.
    E non ti preoccupare, non cadrò vittima delle sette!!
    Sto solo cercando di percorrere una certa strada che possa portarmi sempre di più alla comprensione di me stesso.
    Vi ringrazio per la conversazione!

    RispondiElimina

  25. Gilberto,il giudizio è imprescindibile in noi Se scelgo ad esempio di
    fare un corso sto ad esempio giudicando quel corso
    potenzialmente adatto o interessante Idem se scelgo di acquistare un libro, un prodotto alimentare, un'amicizia, una compagna/o.
    Credo che cio che dovremmo cercare di raggiungere è una capacità di giudizio sulle cose,-eventi-azioni - persone che cmq non pregiudica la ns capacità di avere un rapporto con loro non condizionato dal ns giudizio che è sempre relativo e soggettivo
    Ps Secondo me non esiste neppure il giusto o sbagliato. E l'ego fa parte di noi, della ns parte psichica. Non va combattutto, piuttosto conosciuto ed educato

    RispondiElimina
  26. Si certo sono d'accordo!! Stiamo dicendo praticamente la stessa cosa!
    Differisce solo nel giusto o sbagliato.
    Eccome se esiste la differenza!!
    Un 'esempio semplice o magari banale, se io e te stiamo discutendo animatamente di un argomento, e ad un tratto tu scateni in me una reazione violenta e ti do un pugno in faccia, converrai con me che questo è sbagliato, ovviamente!
    L'azione giusta naturalmente sara di discutere magari animatamente, ma poi dopo devi lasciar cadere la cosa!
    Sull'ego sono d'accordo!non va combattuto, non si può fermare; non va neanche educato forse!Se nella nostra vita abbiamo uno status comportamentale, fisico e psichico, come dire! di chiusura, di blocco emotivo, il segreto sta nel ricercare la fonte, il punto di partenza da dove è partito il trauma.
    Il problema più grosso è che non è per niente semplice (il che è dir poco).
    Ecco perche' tutti noi, migliaia e migliaia di persone, stiamo cercando il metodo migliore.

    RispondiElimina


  27. Come donna, non sono affatto d'accordo con te - e probabilmente con molti altri - sul minimizzare fatti concreti quali
    una relazione (o più) vissuta/e nel segreto, la sessualità vissuta con leggerezza e senza responsabilità Soprattutto da parte di un religioso che ha fatto voto di essere padre e fratello di tutti , ma poi davanti ad un figlio ed una compagna in difficoltà fugge e nega (cone tutte le conseguenze del caso e anche di più)E che dovrebbe avere verso i gesti d'amore o di disprezzo massima attenzione
    Sono ancor meno d'accordo sull'usare la propria autorità e facoltà pseudo taumaturgica e fiducia ottenuta o rubata per prendersi libertà nei confronti di persone poco in grado di intendere e volere Cio lo ritengo gravissimo a prescindere. A maggior ragione se compiute da parte di chi si fa scudo di simboli religiosi e dice di operare in nome di Cristo

    RispondiElimina
  28. La meditazione se fatta all’interno di un percorso di studio approfondito, che non dura lo spazio di uno “spot pubblicitario” durante un corso, è utile, ma solo se condotti per mano da veri maestri. Cosa diversa invece è la riflessione, o il cattolico esame di coscienza, il secondo più difficile quasi della meditazione, perché porta la persona a riflettere e riflettersi, come innanzi ad uno specchio su se stessi.
    Io non ti ho mai detto di andare in terapia, questo lo scrivi tu, ma se vorrai farlo sarà una scelta che tu maturerai con i tuoi tempi e tuoi modi, io mi limito solo ad osservare, in base alle mi e conoscenze, quello che vedo attraverso il tuo modo di scrivere, comprendendo cosa ci sta dietro. Ma alla fine quella comprensione di te stesso spetta solo ed esclusivamente a te.
    È giusto Gilberto che tu faccia la tua strada, ma dal modo in cui ti poni un sacco di domande, denota che sei alla ricerca di una moltitudine di risposte..il problema è sarai disposto ad accettarle quelle risposte, oppure sarà più comodo continuare a navigare a vista, soffrendo e stando male? Non lo so e francamente credo che importi poco anche a te, perché forse ti sta bene cosi…

    RispondiElimina
  29. Per Sara, dire che Spoladore usa la sua autorita' e il suo carisma nei confronti di persone poco in grado di intendere e di volere è veramente fuori luogo se non addirittura ridicolo, dal momento che in trent'anni circa i corsi sono stati frequentati da migliaia di persone.Capirai che c'è qualcosa che non va in quello che dici!! forse queste migliaia di persone secondo Marco devono andare tutte in terapia perche' hanno dei traumi interiori che non riescono a risolvere e che sono preda dei "pseudo taumaturghi"come dici tu Sara.Dai ragazzi!! per piacere!!
    Questo fondamentalismo nei confronti di una persona solo, rivela al contrario invece una tua profonda paura di scoprire che quei concetti e verita' presentate nei corsi, possano essere veri, la pura e semplice realta'! (ovviamente bisogna sempre verificare le cose con il proprio sentire)
    Per marco, non ci sono dubbi che tu mi abbia già "psico-analizzato"!!!.tu non mi hai detto direttamente di andare in terapia me lo hai solo sottilmente (con un po' di arroganza)e indirettamente proposto, ma non è una provocazione, non voglio litigare, sarebbe assurdo (per così poco).
    Premetto una cosa, come ho gia detto nei commenti precedenti, tutti i metodi vanno valutati, ovviamente anche andare in terapia, come dici tu, essere aiutati da maestri competenti è o può essere di grande aiuto.
    Ma non è la sola strada come sembra mi voglia far capire tu.
    Se fosse la soluzione migliore, decenni di psicoanalisi e psicoterapia avrebbero dovuto portare l'umanita'a fare passi da gigante sul piano evolutivo, ma mi sembra non sia stato così!diciamo che sicuramente è uno dei tanti metodi.
    Poi, e cerco di terminare, le risposte che sto cercando io, in realta'sono le risposte che cercano tutti, sono anche le tue!
    Ma se queste risposte arrivassero!, mettiamola così!! Accettarle sarebbe l'unica cosa da fare, perchè questo significa cambiamento, conoscenza, fine della sofferenza.
    Se in base a quello che scrivo e come scrivo tu comprendi quello che ci sta dietro, allora erudiscimi!! illuminami!! (chissa' che magari non diventi tu il mio "terapeuta")
    Sul fatto che secondo te a me importi poco cercare le risposte e che mi sta bene cosi, non ti posso dare ne' una negazione, ne' una affermazione .Sappiamo che la nostra mente oppone enormi resistenze a ogni tipo di ricerca, questo si sà!
    Forse tu Marco, semplicemente e naturalmente, come tutti noi, hai tanta paura!.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. per GILBERTO
      Nessun integralismo. Il fatto che migliaia di persone abbiano scelto questi corsi non è garanzia di nulla Anzi Cio cui faccio riferimento non è neppure cio che di organizzato e in ogni modo lucrativo si muove intorno al personaggio e il seguito che crea: su cio si potrebbe disquisire e fare analisi per decine di pagine così come per altri fenomeni massivi che periodicamente si presentano e coinvolgono le masse in particolari fasi confuse della storia.
      Mi riferivo piuttosto a quanto di discutibile , per alcuni incomprensibile per la maggioranza frutto di invenzione e complotto , lo ha riguardato come persona privata , nel periodo in cui era considerato sacerdote e guaritore. Certo alcuni rimuovono tutto in fretta arrivando a negare, per altri l'elaborazione è in atto, ma durerà il corso di più vite
      Credo quindi che in questo particolarissimo caso ,chi ha paura di cogliere la realtà, per come è oltre le apparenze che si nascondono dietro questa comoda mitomania, sia soprattutto tu
      Sara

      Elimina
  30. l commento è diviso in due parti perché supero la lunghezza massima dei caratteri disponibili
    1 di 2

    Non ho mai detto che la terapia è l’unica strada, Gilberto.
    La prima è quella dei piccoli passi, cosa che ho consigliato da subito, quando ti scrissi che ci volevano centina di libri , capendo cosa vogliano dire intimamente al lettore e riflettendoci e ragionandoci sopra. Io l’ho fatto, certo ci vogliono anni, tenacia e volontà, cosa che non tutti hanno. Perché come feci io al tempo era meglio la pappa fatta e le nozioni saltellanti di palo in frasca, che se però non si ha la conoscenza di ciò che ci sta dietro ,certe conoscenze possono portare a destrutturazione, perché il carisma di una persona o l’alone che i seguaci danno potrebbe contribuire a tutto ciò.
    Poi ogni caso va sempre valutato caso per caso, persona per persona. E la generalizzazione non fa onore alla verità e alla singolarità di ogni individuo, rendendoli tutti uguali.
    In ogni caso dispongo di informazioni che mi sono giunte da varie fonti nel corso degli anni, fonti giunte via mail e da letture pubbliche che ho trovato in rete, proprio su facebook, che mi hanno portato a fare le mie deduzioni su certi “Fenomeni” e su quanto ci sta alle spalle. E certe cose che so privatamente non sta a me renderle pubbliche in quanto sono confidenze che mi sono state fatte e non vado a tradire la fiducia che molte persone, pur non conoscendomi di persona, mi hanno dimostrato, onorandomi delle loro confidenze.
    Evidentemente, Gilberto, sei come tutti alla ricerca di qualcosa, perché tutti hanno delle domande dentro, dei pesi, dei fardelli e cercano, come è giusto che sia, delle risposte, una strada una via, un percorso che renda la vita anche meno pesante e fra questi tutti non credere che io sia assente.
    Ma nessuno, se non te stesso, può darti le risposte che cerchi, io per primo. Per questo mi sono permesso di scrivere, proprio in base a come scrivi, senza avere la supponenza di darti consigli su come viverti la tua vita, che avresti bisogno di una persona sicuramente più preparata e più esperta di me, per guidarti nel tuo cammino. Può essere uno psicologo, un amico competente, può essere se sei cattolico un Padre spirituale, nel segreto del dialogo, non con il sapere che ti viene scodellato dall’alto. Ma è sarà sempre e solo una tua decisione, indipendentemente da quello che tu puoi pensare o no di me. Per quello che posso dirti è che molte persone poi si sono rivolte a un terapeuta quando hanno ricevuto input più forti di quello che la psiche poteva al momento sopportare, ma ci sono andati solo quando hanno sentito che quello che avevano dentro li stava facendo scoppiare e dovevano vedere chiaro dentro se stessi. Ma hanno maturato la cosa secondo i loro tempi, perché anche se un amico suggerisce o anche implora un amico, rendendosi conto che ha dei problemi, dei fantasmi che vanno affrontati, i tempi sono solo i suoi.
    Poi ci sono anche altri metodi, che per esempio, oltre la lettura che a cui ti ho invitato, possono portare agli stessi risultati, ma non tutti hanno la medesima capacità di analisi e introspezione e onestà nei confronti di se stessi hanno bisogno di uno specchio con cui riflettersi.
    In ogni caso è un percorso lungo, doloroso, difficile che non tutti hanno il coraggio di compiere.

    RispondiElimina
  31. Il commento è diviso in due parti perché supero la lunghezza massima dei caratteri disponibili
    2 di 2

    Quindi, indipendentemente da quello che tu possa pensare di me, ti dico, parafrasando Sherlock Holmes, “ Leggo e deduco”. Certo le mie deduzioni sono prive, per fortuna di verità assolute, perché di te vedo solo la porzione che mi fai vedere, tramite ciò che qui scrivi e solo alla luce di quanto mi scrivi, deduco. Certo mi sento felicemente privo della verità assoluta, in quanto né io e né te, ne siamo sprovvisti,.
    Alla fine, la palla della tua vita, ti sembrerà banale, ma è così, è sempre nelle tue mani.
    A riguardo le paure, tutti hanno delle paure, chi ne è privo è una persona che ha bisogno di uno psichiatra e non di un semplice psicologo.
    Riferito alle resistenze, parole che so da chi provengono, anche questi le hanno e io non ne difetto, con la differenza che spero d’averci lavorato sopra nel corso degli anni, tagliando via i rami morti e i garantisco che sono stati tanti, ma sicuramente, come è umano che sia, ce ne saranno sempre, altrimenti non sarei un uomo ma una divinità infallibile.
    A riguardo il fatto di diventare il tuo terapeuta privato, lo prendo semplicemente come uno “complimento” e lo accetto molto volentieri. Peccato che non sia titolato per farlo e quindi sarebbe abuso della professione medica e incorerei, nel caso che accettassi, in un reato di natura penale, cosa è lontana dai miei interessi e dalla mia etica personale. E poi, in ogni caso, anche se fosse, la mia conoscenza e il mio sapere ha un prezzo e un costo che non vado a quantificare, perché è frutto dei miei sacrifici della mia voglia di imparare e certo non la elargirei gratis, cosa che però per ora, sto già facendo, ma solo per il mio diletto personale.

    RispondiElimina
  32. per Gilberto: ho inserito la mia replica al tuo commento del 5 marzo direttamente sotto il post stesso. Sara

    RispondiElimina
  33. Per sara. Se riuscissi veramente a cogliere la realta' di me stesso e intorno a me così com'è stà, sarei veramente fortunato, per quanto dura o sconvolgente possa essere, ti assicuro che se c'è una cosa che ho sempre cercato di non fare è nascondermi dietro a comode mitomanie come dici tu! semplicemente ribadivo il fatto che alcune "verità" presentate nei corsi me le ero documentate già molti anni prima in altri libri, in altre situazioni, ascoltando, riflettendo,non erano contenuti nuovi!a parte forse quacuno.Su alcuni punti mi trovo d'accordo su altri meno!.
    Ma non sono seguace di nessuno! ho fatto questi corsi pagando la mia quota e poi me ne sono tornato a casa, punto e basta! la cosa finisce lì.Tutto quello che facciamo in questa vita serve, male o bene che sia, chi lo sà, magari anche queste nostre conversazioni.
    Mi sembra solo molto strano e anomalo accanirsi così duramente contro un uomo che sta cercando di dare, a suo modo, un messaggio diverso.(poi naturalmente sta a noi crederci o meno)

    RispondiElimina
  34. Per Marco. Ti ringrazio per la tua sincerita'!
    Non ho nulla da obbiettare nei due commenti che mi hai scritto.Ognuno ha i suoi tempi in base al proprio status attuale, per decidere e riuscire a migliorare la propria vita, nei modi e nei metodi che si ritenga più adeguato alle proprie capacita'.
    Solo però, sulle resistenze della mente, forse non mi sono spiegato bene e non capisco quando dici che sai da dove provengono queste parole.
    Volevo dire solo che la nostra struttura mentale, non favorisce mai i nostri cambiamenti, oppone delle resistenze,perchè cambiare comunque significa modificare la nostra dimensione psicofisica e qui ci sarebbe da discutere delle ore, tu lo sai bene.
    Un esempio forse banale, ti è mai capitato di voler fare una cosa a tutti i costi,che ne sò, per una settimana mangiare poco o eliminare un tipo di cibo, poi alla fine della settimana, magari in un momento di relax con gli amici ti rimpinzi di tutto e elimini il lavoro di tutta la settimana? Questo succede a tutti i livelli, fisici, mentali e spirituali. In questo nostro piano fisico, materiale, ad una certa "forza", diciamo così, si oppone sempre inevitabilmente una volonta' contraria.Non vado oltre se no ci vuole troppo tempo.Era solo questo il senso della mia affermazione nel commento precedente.
    Ti dico per ultimo, per finire, che purtroppo, l'individuo in questo momento storico ha un livello di evoluzione spirituale tale da avere ancora bisogno delle "spinte esterne", chiamiamole cosi'.Arrivera' spero un tempo che non ci sarà più bisogno di queste spinte perche allora l'individuo avra' acquisito una capacita' intuitiva che gli permettera sempre di agire tempestivamente nel modo corretto in ogni situazione.
    Senza voler provocare, hai più volte detto che da come leggi i miei commenti, deduci.
    Io ho letto i tuoi commenti, ma non deduco.(a parte il discorso della paura)

    RispondiElimina
  35. Inizio dalla fine del tuo post: sconfini nell’utopia di stile new age da era dell’Acquario… L’essere umano, oggi come cinquemila anni fa, a parte le conoscenze tecniche e scientifiche, mediche e quant’altro, a livello intimo è strutturato per avere delle paure e delle pulsioni, che sono semplicemente figlie delle epoche sociali in cui vivono: ma la vita, la morte, l’odio, l’amore e tutti quei sentimenti contrapposti, esistono sin da quando questi è sceso dagli alberi, iniziando a camminare eretto. Riferito alle resistenze: è un linguaggio tipico sia degli psicologi e anche del nostro comune “amico!”..ergo…
    Per concludere: l’uomo e la natura stessa si basa sull’equilibrio o lo squilibrio di forze contrapposte e sarà impossibile cambiare questa legge naturale, anche attraverso l’evoluzione spirituale, come si ha la brutta utopia di pensare che in futuro avvenga. L’uomo è un animale idiota su questo punto di vista, non diverso da un somaro a cui gli è stata messa una carota davanti agli occhi per farlo avanzare…spera sempre di poterla prendere e mangiarsela, quindi auspica che ad ogni passo successivo questa si avvicini alla bocca, ma….
    Il massimo che può accadere è solo l’evoluzione spirituale del singolo, mai della società nel suo insieme e questo singolo sarà solo un isolato, un reietto della società, un eremita, un soggetto sbeffeggiato e insultato proprio per la sua stranezza e per la sua visione, negata ai più..quindi capisci che l’evoluzione spirituale, quella tanto caldeggiata dai fanatici di new age, è scusami il francesismo, un’emerita stronzata…

    RispondiElimina
  36. Questa sintesi che mi hai presentato è a dir poco sconvolgente, capisco che non stiamo parlando la stessa lingua.
    Io non sò se quello che ho espresso prima è una brutta utopia di stile new age, lo saprai tu se ne sei convinto, se è solo una stupida moda, io non lo so.
    L'equilibrio o lo squilibrio delle forze contrapposte che in natura esistono da sempre come dici tu, sono proprio strettamente e profondamente connesse con la nostra condizione evolutiva, ma stai scherzando?
    E' proprio perchè la persona singola evolverà spiritualmente che di riflesso avverra' un cambiamento globale in tutta la popolazione,o perlomeno ne verra' fortemente influenzata.Se non sei convinto neanche di questo allora credo che non ci sia più niente da dire.
    Dire che l'uomo è un animale idiota che assomiglia a un somaro e che non ha nessuna possibilita', e che sopratutto non appartiene a nessuna dimensione spirituale (e capisco ora l'accanimento contro spoladore)è come negare la vita stessa.Come se l'uomo secondo te non appartirne a nessun ordine superiore o preconcepito.Secondo te siamo solo tante piccole realtà disconnesse tra di loro, come tante pecore che brucano il prato, senza speranza.E' tristissimo quello che stai dicendo, sopratutto per te, E come se tu stessi trascorrendo una "non vita".
    Ma può darsi che io sia solo un povero illuso, come dici tu, influenzato da questa stupida corrente new age, chi lo sà.
    Un giorno sapremo, se avevo ragione io,o se invece mi sbagliavo!.

    RispondiElimina
  37. Lascia strare gli ex preti pincionì e igravidatori per un momento. Evidentemente sei ancora fermo all’ex prete-peniero e non riesci a scrollartelo di dosso.
    Non mi sembra che il messaggio di questo fantomatico Gesù di Nazareth abbia cambiato la società, facendola evolvere a un livello superiore. Esattamente come prima di lui non l’ha fatto Horus, Dionisio e altri…tutti nati il 25 dicembre, da donne vergini e figli di padri ignoti e tutti resuscitati dopo tre giorni, la storia è piena di presunte svolte spirituali che poi si sono degradate in semplici mitologie….
    La spiritualità è una cosa che esiste solo fin dal momento che una persona è viva: nell’attimo che crepa diventa preda di vermi, i capelli si allungano, così’ anche le unghie, la carne si decompone e marcisce. Fino a quando il tempo non consumerà anche le ossa, riducendole in polvere. Il mito giudaico cristiano, così come molti altri circa la creazione e l’aldilà è solo un allegoria, buoni per illudere i sempliciotti che esiste un qualcosa dopo la morte. Ma anche chi ha avuto le famose esperienze premorte sono spiegabilissime a livello scientifico e neurologico. I cadaveri vivono solo nel ricordo dei vivi, che ne tramandano la memoria, nelle persone di tutti i giorni al massimo per quattro generazioni. Poi…nulla. Lasciamo stare i grandi personaggi storici, la maggioranza dei quali la cui memoria viene interpretata e rivoltata a seconda delle necessità.
    Non voglio tornare sul discorso della spiritualità a parole dell’ex prete, per lui parlano le sentenze di un tribunale e un padre che non segue il proprio figlio, chiunque sia il padre, prete, sposato o semplice convivente è un padre bastardo, morto dentro, un cadavere che cammina. Se a te piace seguire gli zombi, fai pure. Liberissimo di farlo.
    Riferito alla new age, alla “Nuova Era” cercati il significato simbolico e da dove prende spunto tutto questo, perché è ora che inizi a camminare con le tue gambe e non venendo a pescare dentro il mio piccolissimo cestello di conoscenza, perché sei ancora alla ricerca di cibi pre masticati, perché costa fatica, tempo, denaro e cellule neurali mettersi le gambe in spalla e andarsi a cercare le informazioni e iniziare a capire.
    Se vuoi mi contatti privatamente. Continuare pubblicamente questo discorso è per entrambi una perdita di tempo….

    RispondiElimina
  38. grazie Bazzato! non aggiungo altro alle tue lucide analisi.ho seguito da poco i corsi di questo furbastro palancaro trascinato da un amico e dunque parlo con cognizione di causa. sono un imbroglio galattico per gente disperata, sola,priva di senso critico.
    che tristezza di uomo è qs ex prete, ma ancor piu triste chi si fa coinvolgere dalle sua chiacchere di gran comunicatore.
    peccato....la verità è altrove...ma moooolto altrove......

    RispondiElimina

  39. Gentile Gilberto,dici :"se sapessi cogliere la realtà di me stesso"...
    L'obiettivo che ti poni è alto e nobile e ti rende onore soprattutto in considerazione del fatto che molti che di quelli che noi scegliamo come maestri e guide (spirituali, politiche, economiche..) a questo non mirano minimamente.
    Prova allora - è solo un Suggerimento -a cogliere la realtà che ti sta intorno Partendo proprio da quella di cui stiamo discutendo...Una persona carismatica puo riuscire a trasmettere qualsiasi insegnamento, anche valido e soprattutto non proprio E subito dopo far perdere le proprie traccie.Lasciandosi dietro un alone di mistero e confidando nella mistificazione che tante persone in "ricerca" gli tributeranno e creereanno intorno , proprio per disperato bisogno di riferimenti. Il segreto di questi istrioni sta proprio nel saper evitare i rapporti e le relazioni vere, nel nascondersi e camuffarsi e scomparire prima che qualche crepa si palesi a rovinare l'aura dipinta intorno alla loro cornice. Poi venendo a contatto con loro in altri frangenti ti accorgi appunto di realtà altre che li connotano. Alcune davvero pietose e misere o peggio A conferma della distanza tra l'ideale immagine difesa e la realtà occultata Ovviamente che loro saprebbero giustificare o far ignorare.
    Come altri, conosco un po' queste trappole perchè le ho attraversata anch'io , alcune direttamente altre x via confienziale. Se mi credi, ho molta ammirazione e soprattutto fiducia e stima di persone come te,più che dei vari falsi maestri e profeti di cui tutti per un certo periodo ci facciamo circondare Si , poichè anche loro hanno un gran bisogno di noi . Poichè ritengo di poter apprendere e meglio riflettermi nella prima "tipologia"e di dover stare a distanza di sicurezza dai secondi, soprattutto quando su questo tipo di attività imbastiscono sfrontatamente business del tutto ingiustificato e senza misura offrendo in cambio nulla più dell'illusione di aver illuminato un percorso incompiuto E soprattutto inacessibile a chi crede di averlo intravisto come adatto a sè e cosi facendo si preclude la possibilità divina di andare incontro al proprio unico di cui ognuno è - al tempo stesso -artefice e destinatario .le vertigini e paure sono segnali della nostra voglia di volare. Coraggio!

    RispondiElimina
  40. Se pensi che le conversazioni fatte con te abbiano avuto lo scopo segreto di attingere "al tuo piccolissimo cestello di conoscenza" allora sei proprio meschino, arrogandoti il diritto di avere su di me una qual si voglia superiorita' o certezza formativa.
    Con le mie gambe ci sto camminando da molto non ti preoccupare! e i cibi pre masticati gli hai ricercati anche tu, più di quello che pensi.
    L'ultima frase che hai scritto: andarsi a cercare le informazioni e cominciare a capire,
    allora questo significa che comunque anche tu hai attinto da qualche parte, in direzioni diverse dalle mie magari, ma sei nella mia stessa condizione, solo che tu credi di avere la certezza di quello che pensi, ma non c'è l'hai per niente.
    Per finire, che non esita nessuna realta'o qualcosa di simile dopo la nostra morte non puoi provarlo (le esperienze di pre-morte non significano un cazzo)e lo stesso io che penso invece che ci sia una verita' diversa (o l'illusione che ci sia, se ti va meglio) non posso provarlo, per cui siamo nella stessa situazione, ne' più ne meno, e non raccontarmi la balla di tutti i libri che hai letto che ti danno a parer tuo il diritto di paventare una fasulla sicurezza su quello che pensi.
    Ti auguro una buona vita!

    RispondiElimina
  41. Mai negato in nessuno dei miei post d’avere cercato cibi pre masticati: infatti avendo scritto l’articolo ero al tempo uno dei tanti grulli, delle tante pecore, o se vogliamo dirla più chiaramente dei tanti idioti che ha ingrassato un tizio, credendo che questi avesse la verità in tasca. Ma da quel mentre di acqua da sotto i ponti ne è passata molta e di questo ne sono certo. Tutti camminano con le proprie gambe, a meno che non siano diversamente abili e costretti ad utilizzare mezzi meccanici o elettrici di ausilio…
    Vedi Gilberto, io sono io e ho fatto il mio percorso, tu sei tu e hai fatto il tuo, quindi evita di fare paragoni su persone che manco conosci, prendi solo cantonate. Mi sembra d’averti espresso chiaramente e più volte il mio percorso…ma lo stai ignorando bellamente. Non importa. Liberissimo di farlo, ma abbi la compiacenza di tacere e non continuare a girare una brodaglia ormai ripetitiva e che non ti fa schiodare te dalle tue presunte convinzioni e me dalla mie deduzioni su di te e su altri argomenti in generale.
    Sul fatto della morte, tu credi una cosa dovresti avere l’onere di provare ciò che dici, ossia che esiste una vita dopo la morte, perché io almeno non mi illudo che dall’altra parte ci siano quattro idioti con l’arpa, prati verdi da tagliare e musica h24, che dopo pochi giorni ti creano nausea, costringendoti a chiedere il trasferimento più in basso, al caldo.
    Per darti l’idea di come certe credenze siano da considerare ancora Medioevali… rispondimi: che fine ha fatto Gesù e la Madonna dopo che sono saliti al cielo anima e corpo… vallo a chiedere a qualsiasi teologo e vedrai cosa ti rispondere: che sei un provocatore senza Fede… in ogni caso, visto che sopra le nostre teste orbitano migliaia di satelliti, nessuno di questi li ha mai avvistati… Forse dopo duemila anni sono usciti dal sistema solare e dalla galassia… Come Superman o Goldrake!
    A riguardo il mio piccolo cestello di conoscenza…credo d’avere il diritto nei confronti me stesso d’essere un po’ orgoglioso del mio cestello di sapere. Rispetto a molti altri è un’inezia, rispetto a terzi può essere immenso…. Come vedi la cosa è soggettiva e se il paragonarmi a te ti fa sentire bene, “buon pro ti faccia”, come scriveva Collodi in Pinocchio. Non o sarò certo io che mi impegno per farti cambiare le tue convinzioni, visto che non ti sei spostato di un centimetro dalle tue idee, lecito per carità, dove però il confine tra sicurezza del proprio essere ed ottusità in taluni casi potrebbe essere labile come un foglio di carta igienica usato…
    Leggere, caro amico, è solo l’inizio di un percorso, studiare, apprendere è un viaggio che non ha mai fine..e per quanto mi riguarda, ho scritto proprio piccolo cestello, perché mi sento sempre all’inizio del mio cammino, per questo reputo giusto che tu ti faccia il tuo di percorso, e poi se vuoi, se non sarò morto io o tu, richiamami fra qualche anno….

    Ti facci una semplice domanda: cosa cerchi veramente?

    RispondiElimina
  42. Vedo con piacere che almeno ogni tanto hai un moto di umilta' nei confronti di te stesso, quando dici che studiare e cercare di capire è un viaggio che non ha mai fine, almeno su questo sei salvo! è ovviamente quello che penso anch'io, non fa una piega.
    I teologi della chiesa hanno ingannato per duemila anni tutti i popoli del mondo, velando e snaturando le verita' dei testi sacri, oscurantismo preparato a tavolino per mantenere le masse nell'ignoranza e nella paura, per puro controllo e potere.Infatti Il Cristianesimo dei primi secoli era ben altro che non la stupida fiaba che ci hanno presentato.(tu pensa per quanto tempo siamo stati stupidi seguaci o zombi appunto di preti e papi, spietati truffatori delle coscienze, con il solo scopo del puro potere fine a se stesso. E' per questo che mi fa ridere la crociata contro Spoladore!! Sai quante truffe ha subito l'umanita' nel corso dei secoli?.
    Dove sono andati Gesù e la Madonna dopo che sono saliti in cielo? hanno cambiato piano di esistenza, diciamo cosi'! L'idea che ci siano "quattro idioti che suonano l'arpa" come ironicamente e spregevolmente dici tu è solo una versione allegoria scritta nei testi.La vera ricerca non ha nulla a che fare con tutto questo.
    Che cosa cerco veramente? cerco la verita' sulla mia vita naturalmente! che è indissolubilmente e visceralmente legata alla vita del pianeta, ma sappiamo che la strada è lunghissima,ci vuole un tempo enorme e una difficolta' oltremisura (almeno per me).
    Ma per il momento brancoliamo nel buio,tutti quanti, chi più chi meno!!(senza voler paragonarmi o essere alla tua altezza,per l'amor di dio).
    La vera prova scientificamente riproducibile di tutto quello che abbiamo detto in queste conversazioni non le ha nessuno!Per il momento spero.


    RispondiElimina


  43. Non c'è nessuna crociata contro Spoladore. E ' stato un uomo di chiesa per il tempo che ha lui ha stabilito ....e come tale si spaccia. Per lo più è ricchissimo ed ha un forte ascendente sulle folle I tre ingredienti lo rendono "invulnerabile" A cio si aggiunge la sua distanza dalla gente e le body guard e il massimo sistema di sicurezza che si è assicurato. Le conoscenze che lui ha assimilato in quanto esponente della chiesa e attraversoi mezzi tempi e risorse di cui - grazie sempre alla chiesa - ha potuto disporre, nonostante tutto, le elargisce chiedendo in cambio una cifra a mio parere esagerata. Oltre a questo l'impegno a seguire un percorso strutturato che - sono d'accordo con Marco - ti fa entrare in una certa logica (la parola logica non è scelta a caso). Quindi a questo punto perchè restare indifferenti rispetto al fenomeno - visto che in questo ci siamo imbattuti - o sentirsi in colpa se si dissente dallo "spoladore" pensiero o se ci si spinge a metterlo in dubbio , discuterlo, confutarlo ?A maggior ragione quando alcuni dubbi su vocazione e scelte di vita personale/affettiva tutt'altro che fedeli a castità comunita povertà sono stati del tutto confermati e la realtà si è mostrata ancor più penosa di quella che ad un certo punto si è iniziata a presumere ed intuire
    Sara

    RispondiElimina


  44. Vista l’eccessiva lunghezza questo post è 1 di due.

    Di che umiltà stai parlando? I fatti non sono mai umili o superbi, sono semplicemente fatti. Non voglio entrare direttamente all’interno dei testi sacri o delle presunte verità manipolate, ma ti rispondo come traduttore, visto che in duemila anni ci sono state varie versioni dei testi sacri, e in centinaia di lingue, dove ogni traduttore canonico, a seconda dell’epoca e della cultura del tempo ha interpretato i significanti originali, cambiane i significati, in un proseguo di conseguenze a cascata. E lo vedo quotidianamente in molti testi tradotti dall’italiano al bulgaro. Poi non vorremmo mica confrontare le conoscenze odierne con solo quelle di cento anni fa. E sia con le traduzioni dal greco dei vangeli o dell’aramaico prima, possiamo illuderci che siano fedeli all’originale? Certo che ci è stato anche del dolo voluto e cercato, nessuno lo può mettere in dubbio, ma ci sono stati anche molti errori dovuti all’ignoranza. Prova a immaginare se oggi venisse tradotta una Bibbia veramente fedele ai testi originali, ci sarebbe lo sconquasso teologico, quindi è una bugia che giocoforza si alimenta per interesse e per ignoranza.
    La verità, Gilberto, non è una cosa afferrabile dai vivi e manco dai morti. La verità è circoscritta a quel poco che premiamo di sapere, ma è ancora un’allegoria, un illusione, un velo che tutti abbiamo davanti agli occhi. Il punto essenziale semmai è un altro: siamo contenti di ciò che siamo o no? Perché se è sì, la ricerca è inutile e si ha già trovato il proprio equilibrio, se invece si è scontenti, il viaggio sarà comunque infinito e terminerà con la morte, la fine di tutte le cose. Fattene una ragione.
    Per assurdo nemmeno tutte le verità sono scientificamente riproducibili, perché per esempio la fede non è un atto riproducibile in laboratorio o ci sta o no… Ma quello che stai cercando tu non lo trovi fuori, non lo trovi nei libri, lo si trova dentro se stessi, analizzandosi, conoscendo capendo, interagendo in un modo o in un altro con il mondo esterno e accumulando ogni giorno un briciolo di conoscenza in più, ma che non necessariamente conoscenza equivale a coscienza, perché quello poi alla fine diventa lo scoglio individuale più difficile, in quanto coinvolge tutto l’essere.
    Riferito a Gesù e la Madonna…mi dispiace, ma anche tu come me ti metti fuori dalla dottrina cattolica, perché la dottrina chiede di credere che questi siano ascesi al cielo…
    Una domanda? Ma tu credi che le masse siano istruibili alle cose religiose, quando spesso hanno difficoltà a mettere assieme il pranzo con la cena? E quindi le masse cercano un motivo anche religioso per illudersi d’avere una vita migliore. Sotto certi aspetti la visone ebraica della vita è migliore di quella cattolica, è meno illusoria e più pratica, almeno per quanto riguarda il paradiso e l’inferno, in quanto considerati entità terrene non extraterrene.
    Se ti prendi in mano una Bibbia Cei e ti leggi tutte le note a margine capirai che sotto certi punti di vista, le cose stanno in modo diverso da quello che ti è stato detto, perché nella Bibbia Cei ci stanno tutti i riferimenti antecedenti all’ebraismo da dove l’ebraismo prima e il cattolicesimo poi ha attinto a piene mani. Ma no tutti si prendono la briga di farlo, preferiscono il cibo premastica, essendo più digeribile.

    RispondiElimina
  45. Vista l’eccessiva lunghezza questo post è 2 di due.

    Sara dice una cosa giustissima: come si fa essere dentro un’associazione che falsifica la storia, la teologia e rimanerci per anni, con tutti gli agi e il bacino di adepti, annessi e connessi e poi facendosi cacciare, per passare da martire? Ma come? Se sai che un’organizzazione ti mente e mente ai fedeli, appena te ne accorgi te ne esci a razzo, senza pensarci due volte, perché la verità che vai a predicare, stride fortemente con i fatti storici e con il permanere all’interno di un’associazione che mente e che ne compie di ogni risma. Dove sta la dignità di un uomo? Dove sta questa fede in questo Dio e in questo Cristo, quando si viaggia nell’ambiguità non solo spirituale, ma anche pratica, in quanto si hanno preso dei voti, si è promesso di rispettare le regole ecclesiastiche al momento dell’ordinazione sacerdotale? E questo vale per tutti i preti che disattendo nono i loro voti, tradendo l’organizzazione in cui sono stati iniziati e che poi hanno tradito peggio di Giuda Iscariota. Il tradimento è una cosa lecita quando si tradisce per amore di verità, ma allora quello non è tradimento, ma sete di giustizia, ma chi tradisce per “trenta denari” alla fine, prima o poi, finisce impiccato con la sua stessa corda.

    In ogni caso sei alla ricerca dell’onniscienza, rassegnati, non la toccherai mai e non la toccheremo ne tu e nemmeno io…
    Una curiosità..si può sapere da che zona dell’Italia sei e quanti anni hai?

    RispondiElimina


  46. Mi dispiace Gilberto
    Osservandolo ed ascoltandolo nel privato, quando dimentica il ruolo che ha "sposato" tanti anni prima per errore o comodo, è molto diverso da come appare in pubblico Se ascolti con attenzione anche le sue conferenze, cade spesso in contraddizione e la sua doppiezza emerge o sotto foema di cinismo o lapsus
    Per questo ed altri vari motivi non ho mai avuto dubbi nel credere alle affermazioni della donna spinta a doversi rivolgere alla curia e, inascoltata anche da questa genia, ad un tribunale civile. Così come a quanto scritto a proposito di tal vicenda nel dossier di Abate dedicato alla doppia vita (e/o personalità) di tanti "religiosi".
    Quando tengo una conferenza, posso recitare un ruolo, imparare il testo, essere convincente ed intascare i soldi che la gente , in buona fede e x bisogno, mi elargisce. Poi tornare - lontano dagli occhi di quelli stessi che ho erudito - ad essere quello che mi fa comodo essere o sono . La strategia di sparire senza dare spiegazioni e facendo credere di essere perseguitato è servita alla sua fuga di comodo e sottrazione di reponsabilità accumulate E' stato un amaro risveglio anche per me , credi Sopratutto perchè oltre alla creduloneria e bisogno della gente , si è fatto uso sacrilego dei valori più sacri ed universali:amicizia, fiducia, rispetto, dignità , sanità ed integrità della persona...Se calpesti questi ed i fratelli . Mi dici - a che serve tutto quel caravanserraglio e le occasionali ciclopiche messe in scena?

    RispondiElimina
  47. Per carità, non cerco l'onniscienza, cerco semplicemente di stare bene con me stesso come lo vogliono tutti!! Tutto qua!.
    Io spero invece che la verita' un giorno diventi patrimonio di tutti, come dovrebbe essere.
    La domanda che ponevi prima: siamo contenti di ciò che siamo o no?
    Io sono contento di vivere, di respirare, di pensare!
    ma cerco anche di cambiare le cose che non vanno in me.
    Non credo che ci siano persone che non siano in trasformazione, anche se sono felici,
    La natura è in continuo mutamento e noi pure, per cui credo che non ci siano persone che non ricercano qualcosa! anche se sono felici,capisci quello che voglio dire!Il mutamento è inesorabile in natura e dentro di noi, che noi lo vogliamo o no.
    Anche la persona più stupida, che non gli importa niente di niente,che si ubriaca tutte le sere, e conduce una vita penosa è in trasformazione.
    Tu dici che la ricerca finisce con la nostra vita.
    Può darsi!abbiamo già detto che non possiamo saperlo,possiamo avere solo l'idea o la sensazione che sia vero o no, ci vuole troppo tempo qui per presentare alcuni concetti.
    Comunque io sono veneto...


    RispondiElimina
  48. Dimenticavo!! riferito a Gesù e la Madonna, sono d'accordo con te Marco, nessuno ascende al cielo con il corpo, questo è pacifico! in questo punto non sono assolutamente d'accordo con la chiesa cattolica, è ovvio.Infatti il Cattolicesimo prevede la nostra ascesa al cielo dove tutto il nostro insieme, anima e corpo, rimarra' "trasfigurato", in attesa di giudizio, questo è il termine che viene usato dalla chiesa per spiegare la nostra condizione ultraterrena.
    Ma non credo che sia così, è più logico pensare, piuttosto, come spiega la tradizione buddista e induista,che ci sia un ciclo di reincarnazioni, che hanno lo scopo di far progredire le "monadi", diciamo L'anima o atman come dicono gli indù fino al completo azzeramento del debito karmico.Ma come abbiamo già detto è ancora tutto da verificare.
    Interessante sapere però che Gesù, riguardo a questa cosa, si era espresso a favore, sempre in chiave velata, ma il riferimento è chiaro.Ci sono due "detti", tra i tanti raccontati nella bibbia, quando dice "ciò che verrà tolto sarà reso" e ancora "in verita' Elia è già venuto" e poi altri, alcuni studiosi della bibbia hanno motivo di credere che questi detti possano essere un chiaro riferimento alla reicarnazione, ma comunque tutto ciò può essere benissimo discutibile.Ma se devo scegliere tra le due tradizioni è ovvio che quella induista e' più logica in un certo senso (passami l'esempio)proprio perchè appunto,il nostro corpo fisico,in quanto involucro, non va da nessuna parte, ma viene restituito alla terra.

    RispondiElimina
  49. Si immaginavo che anche tu come me fossi Veneto. La verità assoluta non è di questo mondo, in quanto de facto no esiste, ci sono solo molti piccoli spizzichi di verità, che sono meste opinioni soggettive.
    Stai confondendo l’ascesa al Cielo di Gesù e Maria, che è una cosa. Gli uomini, secondo il cattolicesimo non ascendono al cielo, ma solo 144.000 giusti alla fine del mondo. Se ricordo bene dovrebbe essere scritto nell’Apocalisse o nell’Antico Testamento. In ogni caso, per buttarla un po’ sul ridere, anche zio Fester della famiglia Addams si illuminava, accendendo lampadine con la bocca..

    RispondiElimina
  50. Non se mi stò sbagliando!
    ma la faccenda dei 144.000 giusti non rientra
    nella faccenda dei Geova? ma forse faccio confusione!
    Ciò che resta quando cessiamo di respirare, è quel principio indefinibile, un'essenza invisibile, ma in qualche modo ancora fisica che racchiude in sè tutte le nostre "esperienze" fatte, in base alla nostra capacita' attuale.E' come la vecchia pellicola in una macchina fotografica che alla fine si riavvolge, viene estratta dalla macchina fotografica e non va perduta.
    Non voglio credere per il momento che non sia così, a rischio di essere un'illuso!
    Che cosa ci stiamo a fare se così non fosse?
    Che scopo avrebbe dunque la nostra vita?

    RispondiElimina
  51. Per un fatto di lunghezza e per dare dimostrazione dell’assurdismo religioso, spezzo il commento in due parti, anche per via de limitato numeri di caratteri a disposizone.
    1 di 2

    Tutte le profezie messianiche parlano dei 144.000 giusti, sono profezie della Torah, basta cercarsi le fonti. Le ho verificate prima di scriverle. Oltretutto la cinematografia ci ha fatto un sacco di film e così come la letteratura un sacco di libri…
    Ancora teorie aleatorie sulla presunta vita dopo la morte certa. Allo stato attuale anche la vita sulla terra sembrerebbe essere un’anomalia galattica. Ma ciò non toglie che la vera anomalia umana è quella di vivere nell’illusione salvifica di continuare a campare in etero. Fatti questo semplice ragionamento: l’Universo ha 14 miliardi di anni. Immagina che il tuo spirito campi all’infinito, ossia per più di cento milioni di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi,

    RispondiElimina
  52. 2 di 2

    di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi,
    di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, , miliardi, di milioni di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di miliardi, di milioni di miliardi, di milioni di miliardi di anni..e oltre, perché questa sarebbe la prospettiva della fede. Che cazzo farebbe uno spirito per tutto questo tempo infinito? Alla fine si romperebbe i co….ni e chiederebbe, giustamente l’eutanasia! E tu puoi credere veramente che una cosa del genere possa esistere? Perché questo raccontano ognuna a modo loro le varie religioni….

    RispondiElimina

  53. gilberto...che senso ha parlare di eternita quando , ebbri di parole, inni, slogan, teorie , ricette e panacee non sappiamo avere cura della vita, solo perchè temiamo possa intralciare i ns piani e offuscare la ns immagine ---ecco qui
    http://italia.panorama.it/La-vera-storia-di-Don-Rock-Quel-padre-e-padre

    RispondiElimina
  54. Potevi anche risparmiarti tutti i milioni di miliardi di anni che hai scritto!! E' abbastanza ridicolo il modo con cui mi stai ponendo la questione, sopratutto da un uomo di cultura come te.
    Se mai esiste una "condizione" al di fuori del nostro cosmo, sicuramente non avra' la nostra struttura "spazio temporale", di conseguenza il concetto di tempo potrebbe venire meno o addirittura non esserci del tutto, certo è che per il momento la realtà che esiste al di fuori del nostro universo è al di fuori della nostra portata e chissa' mai se lo sarà, non abbiamo ancora capito che cosa succede in "casa nostra" figuriamoci fuori!.Sicchè voglio dire, tutti quei milioni di miliardi di anni che hai scritto non hanno poi tanto senso.
    Come fai a dirmi tu che il nostro "tempo" si svolge in eguale velocita' anche al di' fuori del nostro cosmo?
    chissa' mai se avrai ragione tu o se avrò ragione io in qualche modo.
    E poi scusami, ma la storiella dello spirito che si rompe le p...e e chiede l'eutanasia te la potevi tranquillamente risparmiare.(specialmente da uno come te! che sicuramente ha una cultura di granlunga più vasta della mia)non ti fa' proprio onore!.
    Due sono le cose, o mi stai letteralmente prendendo per i fondelli e ti stai divertendo alle mie spalle, oppure tutta la tua cultura non ti è ancora servita a niente.

    RispondiElimina
  55. No, Gilberto: il ridicolo è quando si va contro la logica, la scienza, la fisica e la cosmogonia temporale del Big Bang.
    Sati prospettando la teoria del multi universi, o dei multi cosmi, il tutti dentro un grande cosmo. Secondo la più moderne teorie viviamo all’interno di realtà multi dimensionali, e la nostra sarebbe una delle 22 0 27 postulate. E quindi? Fuori da questi universi cosa ci sarebbe? Il deposito delle anime? Un grande magazzino multidimensionale dove, come una discarica abusiva, tutti vanno a finire lì e per fare cosa?
    Per quanto riguarda le cadute di stile con i volgarismi…io, se dovessi farmi un’eternità di questi tipo, mi si romperebbero assai… Quindi la logica, come vedi, può essere trovata anche all’interno dei volgarismi.

    Un ultima costa, ti consiglio di leggerti di Piergiorgio Odifreddi,”Perché non possiamo dirci cristiani e men che meno cattolici”..

    RispondiElimina
  56. Ti prego di illuminarmi!! che cos'è la logica?
    E' quello che puoi spiegare razionalmente o riprodurre
    fisicamente e scientificamente qui nella nostra vita?Non ce la farai mai!!almeno per il momento, o per lo meno in questo piano di esistenza.
    Quali sono i confini della logica, me lo sai dire? perche' sennò è tempo perso, la tua logica si perderà irrimediabilmente nell'infinito.
    Ti preoccupi tanto di cosa farai fuori da questi universi quando non sappiamo neanche l'età e a che punto siamo in questo nostro universo, per esempio se siamo a meta' o verso la fine.
    La teoria del big bang ha gia' spiegato tutto?

    RispondiElimina
  57. Ogni cosa ha un evento logico e uno scorrimento lineare e temporale, almeno nel nostro universo. Dio è il pretesto, la scusa, quando ci si vuole abbandonare ad un identità creata dall’uomo perché questi non riesce ad accettare che la vita e l’universo stesso è semplicemente frutto del fato e non di una preordinazione divina. Dio è la scusa dei paurosi che hanno terrore del buio e del nulla!

    RispondiElimina
  58. Mio dio!! tu sei già morto! ancora prima di cessare di respirare!
    Non esiste un micromillimetro di "nulla" in tutto l'universo, e la paura ce l'hai tu nel tuo animo, la famosa paura della verità, ancora nascosta al nostro cuore.l'universo e' tremendamente pieno di una sostanza, non visibile e percepibile dai nostri sensi fisici, chiamata "Etere", il quinto principio, il collante, il veicolo attraverso il quale tutto è in movimento,la materia plastica dell'universo,per mezzo di questo quinto principio gli altri quattro grandi principi cosmici diventano attivi,funzionano.
    Il fato dici? preferisco essere io il pazzo ai tuoi occhi, ma tutta questa perfezione non può essere un caso, lo vuoi capire?
    Ti dico! ed è una forte sensazione, che se non ci fosse una "regia", questo mistero insondabile, che ha animato i nostri sensi superiori, noi saremmo poco più che dei scimmioni senza l'uso della parola nonostante i nostri svariati milioni di anni di presenza in questo pianeta, forse miliardi secondo alcune filosofie! E' questo che ti devi ficcare in testa.
    Sei veramente sicuro che noi deriviamo dalle scimmie attuali?
    Ti è mai palesato in testa che noi non abbiamo mai avuto niente a che fare con le scimmie?Prova a pensarci!
    in verita'sei tu che sei spaventato,hai risolto tutti i problemi raccontando a te stesso che il nostro mondo e quello che ci sta intorno è solo frutto del fato, molto semplice da parte tua, nascondendoti magari dietro i tuoi centinaia di libri letti.

    RispondiElimina
  59. Una curiosita'! Pensi che noi siamo l'unico pianeta abitato nell'universo, o pensi che ci siano altre forme di vita intelligenti in altri pianeti, magari su altre galassie?
    Era giusto per sapere fin dove si spinge la tua sicurezza.

    RispondiElimina
  60. Qui ti volevo: l’universo è formato da centinaia di migliaia di galassie e in ogni galassia ci stanno centinaia di migliaia di pianteti e di questi almeno qualche migliaio possono essere classificati come pianeti di classe M, come la Terra, e dove potrebbero o sicuramente si sono formate civiltà, non necessariamente basate sul carbonio, più o meno evolute, con le loro religiosità e le loro tradizioni e divinità. A mio modesto avviso non siamo soli nell’universo, ma siamo scientificamente arretrati a livello di viaggi spaziali, viste le distanze, fuori dai pianeti extrasolari. Immagina solo che per arrivare alle stelle doppie, stelle di classe Blu, come il nostro Sole, occorrono 4.2 anni luce, per giungerci e con le pustole spaziali che non superano, dopo l’effetto fionda con la Luna i 250.000 Km/ora, capisci anche tu, che senza una propulsione che si avvicina anche se di poco alla velocità della luce, è umanamente impossibile, con i mezzi attuali e anche nel prossimo futuro, giungerci.
    Per questo il relativismo assolutista cattolico è un’assurdità logica, oltretutto maggiorata da quando un sacerdote della Specola Vaticana se ne è uscito con la sparata di voler portare il cristianesimo e il messaggio salvifico di Cristo agli extraterresti.
    La mia mente è più aperta di quanto puoi immaginare su questi argomenti. Ho studiato astronomia e astrofisica per molti anni, a livello amatoriale, ma credo di avere nel mio piccolo delle discrete conoscenze per quanto riguarda la Cosmogonia e per questo anche il tuo ragionamento sull’etere ha un senso se lo si inserisce all’interno di un contesto metafisico, contesto che però esula la razionalità delle dinamiche su cui si muove lo stesso universo, dove no ci sta alcun essere superiore che interagisce, attimo per attimo, con tutti i 14 miliardi di anni luce dell’universo dimensionale sul quale l’uomo ha l’illusione di essere l’unico essere senziente e teoricamente evoluto ad abitarlo.

    RispondiElimina
  61. questi discorsi "persuasiavi" che denotano uno strabiliante uso della retorica risultano per me difficili da sostenere a causa di un umile bagaglio di conoscenza a riguardo!premetto che non ho ancora parteciato ai corsi; (mi riservo di farlo molto presto). Benchè la fama di questo communicatore mi sia giunta già da tempo, mi sono avvicinata con sospetto e diffidenza. Al di là delle convizioni di ognuno la carica e l'energia che ho ricevuto domenica sono indescrivibili e ripensare nuovamente a ciò mi aiuta in questo momento perticolare.la mia esperienza, seppur limitata mi ha insegnato che la cultura nella vita è fondamentale e mi sto adoperando ogni giorno con grandissimo sacrificio per ampliarla; ma sono altrettanto consapevole del fatto che non sia sufficiente! sono giovane, probabilmente nella vita ho ancora molte cose da imparare ma credo che la presunzione più grande dell'uomo sia quella di poter raggiungere onniscenza. spesso mi ritrovo ad ascoltare grandi lezioni filosofiche che disquisiscono sul niente l'obbiettivo più grande nella vita è la serenità e se queste esperienze la portano ben venga!!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. per Anonimo del 30 maggio

      BENVENGA !

      E' bene anche secondo me avvicinarsi con sospetto a tutte quelle esperienze che trasformano certi argomenti in oggetto di divulgazione di massa. Puo funzionare per cio che è informazione (conoscere il corpo umano, cosa sono le vaccinazioni, come si compila il 730..) Un po meno- o è a doppio taglio - su questioni più delicate. Molti partecipano ai corsi perchè rappresentano un mix- bignami di tutto cio che attualmente scienza/medicina nuova,religione ed esoterismo puo rappresentare . Tutto cio che una persona taggiunge in anni di letture, ricerca, seminari viene sintetizzato li...devi SOLO PAGARE e non poco..considerato che i corsi sono gli stessi da anni


      In quei corsi l'informazione è condita acnhe di altro che ha sulla gente - come "don" paolo ben sa - effetto notevole. Dopo qualche ora in aula ci si sente pervasi di energia, forza, ottimismo. Si cade in una specie di dipendenza. Dopodichè si inizia a frequentare ogni suo libro, cd, incontro, a ripetere le stesse frasi...Ma da quello che noto per ora, oltre a quanto sopra - già osservatoda altri qua e la in questo blog - questo bearsi in quelle sensazioni vissute e ad interpretarle come collegamento con dio - non sempre è favorevole alla ns apertura e vera conoscenza Tutt'altro. Come tu stessa dichiari mola di quella gente cerca li la serenità e la felicità, si Ma solo la propria. Un po ' come fanno i più grandi egositi e distruttori della storia. Nei libri della Sapienza le indicazioni sono bem altre. E i diktat di spoladore che attirano la comune massa: felicità e desiderio, nel vangelo non sono neppure mai citate. Auguri

      Elimina
  62. Gentile lettrice, giovani siamo stati giovani inesperti e desiderosi di fare nuove scoperte, guai se non fosse così. Io stesso sarei un inutile idiota vanesio se andassi a pavoneggiarmi dicendo che oggi comprendo come venti e passa anni fa. Mentre invece, so che è retorica da quattro soldi, non si ha mai finito di imparare e chi ha la presunzione di aver solo da insegnare, è solo un uomo morto che cammina.
    Certamente non andrò a dissuaderti dal non fare i corsi del signor Spoladore, per carità, visto che oltretutto non spetta a me mettere all’indice nessuno e manco voglio farlo, in quanto, se sei maggiorenne, hai tutto il diritto di fare ciò che meglio credi di te stessa e trovare la strada per ampliare le tue conoscenze. Mi permetto solo di dirti, a livello generale, occhi, orecchie e ragione aperta e non prendere nulla in modo acritico, lasciandoti trasportare dall’emozione. Il suo lavoro come comunicatore è proprio quello di andare a toccare le corde emotive dell’uditorio, corde sovente sconosciute alla persona stessa, ma che una persona esperta sa cogliere e rivoltare come un calzino, senza che la persona se ne renda conto.
    Come ho scritto ho fatto tutti e tre i livelli dei suoi corsi, è di dominio pubblico la cosa, e non starò a dirti che se tornassi indietro non li rifarei, ti mentirei come un ladro, visto che solo gli stolti piangono sul latte versato, ma determinati corsi devono essere solo uno spunto, un punto di partenza per una conoscenza interiore ed esteriore, fatta di letture, libri, seminari e simposi, per non rimanere fermi alle parole e ai gesti del guru di turno, altrimenti,si rischia di rimanere prigionieri ne La ragnatela Tholiana.

    RispondiElimina
  63. Cara lettrice, credo non possa essere considerato presunzione, l'impulso naturale e istintivo dell'uomo di progredire!.. è un ordine precostituito, geneticamente insito nelle nostre cellule. il nostro destino è l'evoluzione, un processo inesorabile di continua raffinazione.Quindi,conseguenza logica, noi esseri umani in un futuro lontano si presume, raggiungeremo livelli estremamente più elevati di adesso.il termine onniscienza certo è una parola grossa, ma chissa mai dove arriveremo!.
    Per marco, almeno su un punto ci troviamo concordi! l' universo è abitato da un numero imprecisato di forme intelligenti, potrebbe essere a migliaia!, considerata la vastita'del cosmo (può essere?).Ovviamente più o meno progredite di noi.
    Vedo la tua preparazione sull'astronomia, argomento dove io non so quasi nulla.
    Ma una cosa ti chiedo! Quando parli di anni luce e di distanze da coprire, noto che lo concepisci solo ed esclusivamente in termini fisici, materiali; perchè? Hanno recentemente scoperto la particella più piccola in assoluto chiamata " Bosone" (correggimi se sbaglio),ma una sera,in tv,ascoltavo delle interviste fatte ad alcuni astrofisici in un programma specifico di astronomia, e il concetto che ne usciva, o per lo meno il sospetto da parte di alcuni, era che la ricerca scientifica deve cambiare direzione, un'inversione di marcia, e che il bosone è solo un punto di partenza, ancora fisico,ancora osservabile e misurabile attraverso per esempio la sofisticata macchina, L'accelleratore di particelle presente al C.E.R.N.
    L'idea che passava,era che scavando ancora più in profondita', ben oltre il bosone, la dimensione potrebbe non essere più tanto fisica, ma di natura diversa.Mi sembrava comunque di aver captato la frustazione di qualche sporadico scienziato sparso qua e là, sul fatto che comunque la scienza da anni non sta realmente facendo grandi passi avanti, e da qui il sospetto appunto che finchè l'ordine scientifico mondiale condurra' le sue ricerche solo sul piano fisico manifesto fine a se stesso, non ci sara' una reale svolta.Non riusciremo mai perciò a spiegare i mondi supersensibili,i piani di esistenza superiori, che sono secondo me il vero motore occulto di tutto ciò che esiste.(naturalmente non te lo posso provare,non è verificabile scientificamente, e forse non lo sara' mai!chissà,forse queste verità si potranno solo "sentire" "vedere",la via appunto verso la conoscenza.)

    RispondiElimina
  64. Evidentemente confondi una particella subatomica, con il trasporto di informazioni complesse e masse ben specifiche, che formano, quest’ultime, partendo dai fotoni, la materia stessa. Sono realtà della fisica che si muovono ognuna su piani diversi. Anch’io attualmente posso spostarmi nell’universo ad una velocità superiore a quella della luce, ma è all’interno dell’universo conosciuto dalla mia mente, in base alle mie conoscenze ed esperienze o ricordi, e quella è una cosa che si fa abitualmente, quando con il pensiero o mente, si viaggia astrattamente, ma non praticamente attraverso anche il tempo, non solo attraverso lo spazio.
    Quello che mi sembra tu voglia dire è una specie di particella metafisica, un nuovo universo da scoprire ben oltre il bosone di Higgins. È logico che ci sia dell’altro oltre a quello, ma il concetto,in proporzione è lo stesso dei viaggi siderali o extrasolari: l’energia. Per andare oltre al bosone di Higgins, che oltretutto è difficile da trovare, durante gli scontri nell’acceleratore di particelle, per rompere quel bosone lì, entrare nel medesimo, romperlo eventualmente, probabilmente ci vorrebbe un accelerato che sia almeno il triplo, come anello di quello di Ginevra, che se ricordo bene misura 27 km. Immagina tu i costi. La proporzionalità tra conoscenze pratico-esperenziali, solo della distanza Terra Luna, è la stessa che attualmente abbiamo dei meccanismi della fisica subatomica, con tutte le differenze del caso.

    RispondiElimina
  65. dico la mia...io ai corsi ci sono stato,sono andato con la mente aperta privo di ogni pregiudizio...le cose sono 2,o non si accetta nulla di quel che dice il donpa,e tutto ciò che dice è menzogna (non ci credo) oppure,sentendo le testimonianze di gente guarita da malattie non"curabili dalla medicina ufficiale",come gente ormai spacciata per i medici,seguendo i suoi insegnamenti (prendendolo per pazzo,ma seguendoli comunque perchè non avevano niente d aperdere) siano guarite...ecco ascoltando tutto ciò appare evidente che il significato e il funzionamento dell'essere umano non può essere altrimenti che così.Viviamo e funzioniamo secondo delle regole che ormai abbiamo perso da millenni e nei corsi del donpa queste regole vengono rispolverate,e per quanto strane possano essere ne vedo la prova tutti i giorni nelle persone che incontro e in me stesso.Lui non da giudizi,non dice ciò che è bene o ciò che è male,dice solo che"funziona così",una delle frasi più ripetute da lui nei corsi è:"mantenete la vostra linea di pensiero,non dovete stravolgere la vostra vita se non sentite di farlo"...comunque ognuno è libero di fare ciò che vuole e se i corsi fossero una stupidaggine assurda,ma ti fanno sentire bene...perchè non farli?c'è più di qualcuno che ha potuto dire"se non avessi fatto i corsi avrei pensato che la mia vita non aveva più senso e mi sarei ucciso"meglio di così....vite salvate

    RispondiElimina
    Risposte

    1. ...sono sempre esistiti taumaturghi che operavano guarigioni e prodigi su sè e gli altri...bisogna vedere da dove ereditavano tali poteri e forze...ricordiamoci che chi fa il bene opera gratis, soprattutto quando trattasi di salute ... della letteratura che ci parla in chiave metaforica di faust e simili....Come fare a riconoscere la provenienza dei doni e talenti...Osservare la vita di chi li opera...Ma , certo, se questo si nasconde (alla gente che lo cerca in quanto risultante ancora prete, alla curia che gli chiede spiegazioni sul suo operato, al tribunale cui spetta far luce su paternità, all'ordine dei medici per chiarimenti o collaborazioni.....)....Il fatto che poi puntualizzi "mantenete la vs linea di pensiero" è un mettere le mani avanti...
      Tu dici che ognuno è libero....Sei sicuro? In nome della guarigione (fisica, psicologica, psichica) dell'acuisizione di conoscenza, sicurezza, autostima, DESIDERI (parola cardine perfino delle sue recenti omelie) gli uomini fragili o ambiziosi o piegati o disperati SONO DISPONIBILI a TUTTO. e questa NON E' libertà. Ma il primo passo per la svendità di sè stessi, del proprio denaro, anima...

      Elimina

    2. per Steam, aggiungo - avendo letto la replica di Marco solo ora : Sono d'accordo con Marco. La creduloneria tipicamente religiosa tipica di chi ha sempre circondato questi ambienti è in grado di suggestionare. La guarigione è anche suggestione ed autosuggestione. Delle guarigioni di "don" si è favoleggiato e alla gente , si sa, è necessario credere che qualcuno incarni tale potere. E' meno disponibile pero a indagare se sia vero Come ad accertarsi di altre realtà - vedi relazioni, figlio ed altro..- Crediamo (o non crediamo) spesso a cio che ci serve per vivere...meglio: religione, magia, superstizione, caso, destino.
      Io posso dirti che una mia conoscente e vicina di casa non ha curato il suo tumore credendo di liberarsene con preghiere e ottimismo. Rifiutata la chemio. E' morta tra dolori atroci e morfina per poteli sopportare. Per cui come Marco ti chiederei anch'io qualche riferimento cosi da poter verificare se la persona che conosco magari non ha rispettato le indicazioni del prete che in altri invece ha funzionato.
      GRAZIE

      Elimina

  66. Stem 1981
    Sovente il confine tra credere e creduloneria è labile per non dire assente. Di tutti questi presunte guarigioni o miracoli, l’ex sacerdote ha portato in “studio”, prove certe, articoli di giornali, articoli scientifici o quant’altro, scritti da medici di chiara fama, prove sperimentali e quant’altro? Oppure ti sei bevuto ciecaente e in modo acritico ogni parola che usciva dalla sua bocca? Ti rammento che scientificamete parlando, le remissioni spontanee di malattie, anche mortali, in percentuale,ossia statisticamente parlando sono più elevate rispetto ai presunti miracoli, visto che su questi indaga anche la chiesa, sovente utilizzando anche esperti laici o addirittura atei, per evitare la faziosità. Quindi ti sarei grato, a nomme anche di tutti i lettori, solessi citare in questo blog i titoli delle pubblicazioni scientifiche che hanno paralto di queste guarigioni secodo il medotodo Spoladore. San Tommaso non essendo un credulone idiota, giustamente, ha voluto delle prove tangibli circa la ressurrezione di Gesù e noi che siamo da meno?

    RispondiElimina
  67. PER STEAM
    La questione del tumore è molto complessa da definire!. viene detto tutto e il contrario di tutto.Ci sono persone che sono guarite quasi da sole e altre che sono morte sia con la chemio che con le cure alternative.
    Quello che viene detto nei corsi non è attribuibile in via generale, il donpa ha citato alcuni suoi casi e giustamente ognuno può credere o no in buona fede. Ci sono due punti che sono stati spiegati nei corsi sui quali mi trovo ovviamente perfettamente d'accordo, naturalmente non sono di matrice solo sua ma di tutti coloro che hanno una diversa conoscenza diciamo così.Una ed è la più ovvia, sono fattori fisici, ambientali, alimentazione, cibo spazzatura,inquinamento,che come conseguenza ovvia portano a stress, ansia, distruzione del proprio rapporto con la natura, e come finale alimenta paura e odio, tutti questi aspetti sono responsabili per almeno il 35 per cento o forse anche il 40 per cento sulla formazione del tumore, ci posso tranquillamente credere visto che agli inizi del 1900 l'incidenza dei tumori stava al 2% mentre ora siamo al 40%(100 nuovi casi di tumori al giorno). e qui non ci piove!.
    Se togliamo questo 40 per cento il resto delle cause non possono essere altro che attribuibili all'aspetto psicoemotivo, al nostro inconscio e a tutto quello che abbiamo vissuto finora, ma naturalmente questo non si può misurare,come quasi sempre in queste cose.Dico questo perchè sono morte di cancro persone che avevano condotto una vita perfetta, cibi sani, attivita' sportiva, caratteri tranquilli(forse apparentemente)E'stato detto che il flagello del cancro verra'completamente debellato quando l'umanita' avra' imparato a gestire le proprie emozioni.
    Sono già parecchi anni che molti medici, nutrizionisti e studiosi hanno dichiarato e dimostrato che una delle vere cause dello sviluppo di patologie gravi è un'alta percentuale di acidita' del sangue.
    ci sarebbe da discutere molto di più, vero è che la sanita' non sta spendendo nulla per una vera ricerca alternativa (alternativa alle chemio)per la cura del cancro.industria farmaceutica (chiamata anche ormai, industria del cancro)e sanita'prescrivono farmaci creando un giro di affari multimiliardario, sebbenchè non voglio demonizzare tutto, ci sono farmaci che servono e sono utili, ci sarebbe da discutere.
    Per concludere, in tutta questa storia, c'è una forte speculazione, e per ragion logica questo aumenta la paura.E' difficile reagire quando ti diagnosticano un cancro, ti mettono di fronte all'unica soluzione possibile e per paura, pur di soppravvivere ti fai le chemio, alcune delle quali sono devastanti per l'organismo.probabilmente capiterebbe anche a me,non so,la paura condiziona tutta la nostra vita.

    RispondiElimina
  68. Io sono il figlio di Paolo Spoladore vi dico solo che ho 12 anni e sono nato il 6 aprile per non mettermi in pericolo non dico nome,potete non credermi ma é vero

    RispondiElimina
  69. Ciao,
    Non so se quanto mi dici corrisponde a verità oppure no, in ogni caso se vuoi puoi contattarmi via skype, solo alla presenza di tua madre. Non parlo mai con minori se non in presenza di un genitore, genitrice in questo caso...decidi tu, puoi contattarmi via Facebook oppure via Skype...
    A risentirti presto!

    RispondiElimina
  70. Per il figlio di Paolo Spoladore!!!
    Se è vero che sei tu! Ti accolgo con affetto e ti ammiro per quello che hai detto.
    Non sentirti rifutato, noi tutti ti vogliamo bene, la Vita stessa ti vuole bene!!
    Forse questo non è il Blog adatto, ma se vuoi puoi dire come la pensi, e come stai vivendo tutto questo!
    Ciò che conta è che tu sia felice!
    Un saluto affettuoso!!!

    RispondiElimina

.Visto il barbarismo espressivo di qualche utente anonimo, i commenti potranno essere moderati e/o rimosssi a insindacabile giudizio..
Il titolare del blog declina qualsiasi responsabilità civile, penale per i contenuti dei commenti dei lettori, in quanto unici titolari, che se ne assumono la completa paternità e con l’invio del post, dichiarano implicitamente compreso quanto sopra